DIARIO DI VIAGGIO ON THE ROAD: GIAPPONE – 9° giorno

La giornata inizia con un viaggio in treno che parte dalla stazione di Kyoto ed una serie di quiz.
Question n.1: cosa è un torii? È una sorta di porta di accesso al tempio.
Question n.2: cosa rappresenta la volpe nella tradizione giapponese? È il messaggero di Inari, il dio del riso e dell’agricoltura. È un animale sacro e misterioso.

Question n.3: qual è il tempio di Kyoto che riunisce questi elementi? È il Fushimi-Inari Taisha, famoso soprattutto per la sfilza di torii arancioni che si susseguono l’uno dopo l’altro nel bel mezzo del bosco. E dopo aver messo da parte l’ossessione per la foto perfetta, il luogo si è manifestato in tutta la sua suggestiva bellezza.

Il padiglione in legno più grande al mondo non poteva che racchiudere la scultura bronzea tra le più grandi al mondo. Non appena varcata la soglia del Todai-ji, quindi, abbiamo detto la cosa più ovvia al mondo: “ooooh”!

La statua del Grande Buddha (Daibutsu), seduto a gambe incrociate nel tempio più famoso di Nara (città poco distante da Kyoto), è davvero sorprendente. Se da un momento all’altro decidesse di alzarsi (la statua è alta 16 metri), sfonderebbe immediatamente il tetto.

Nara è famosa anche per i 1200 cervi che passeggiano liberamente nel parco attorno ai vari templi. “Speriamo di riuscire ad avvistarli”, ci dicevamo prima di arrivare. In effetti è impossibile non vederli dato che passeggiano tra la folla in cerca di cibo. Inutile dire che ci siamo procurati i biscottini di cui sono ghiotti e li abbiamo imboccati. Troppo carini!

Questa voce è stata pubblicata in Diario di viaggio, Foto, I miei tour. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *