GITA FUORI PORTA – Via Mercatorum da Oneta a Cornello dei Tasso (BG)

Oggi da Cornello dei Tasso (BG) non passa quasi più nessuno. Sembra incredibile ma, nei secoli che furono, questo piccolo ma incantevole borgo della Val Brembana veniva attraversato da una gran quantità di mercanti che, percorrendo la Via Mercatorum, attraversavano la vallata per raggiungere la Valtellina.

Una breve passeggiata che parte da Oneta, frazione di San Giovanni Bianco (BG), permette di ripercorrere la Via Mercatorum fino a Cornello dei Tasso. Si tratta di un bel percorso tra boschi, ruscelli e cappelle che dura solo 30 minuti. Essendo poco faticoso (il terreno è prevalentemente pianeggiante), la passeggiata è adatta a tutti. Perfino alle famiglie e a coloro che non sono soliti camminare.

Lungo il percorso non mancano alcune tappe culturali:

  • nella piazzetta di Oneta si trova la Casa di Arlecchino (per maggiori informazioni su prezzi ed orari vedi più avanti), un edificio signorile di epoca quattrocentesca. Le stanze visitabili non sono molte ma alcune presentano dei bei affreschi in cui riecheggiano le gesta di quell’Alberto Naselli detto Ganassa, primo interprete della famosa maschera nella commedia dell’arte;
  • a Cornello dei Tasso (ricordo che è tra I Borghi più belli d’Italia) c’è l’interessante Museo dei Tasso e della Storia Postale. E’ disseminato nel piccolo villaggio ed è suddiviso in tre sezioni distinte. All’interno potrete ripercorre la storia del servizio postale, ideato appunto dalla famiglia Tasso che qui ebbe origine e che, in uno dei suoi rami, vide nascere quel Torquato Tasso che nel ‘500 scrisse La Gerusalemme liberata. Cosa troverete nel museo? Una gran quantità di lettere d’epoca, manuali dei viaggiatori risalenti al 1771, i primi francobolli, mappe e qualche antica edizione delle opere di Torquato Tasso. E’ un’esposizione piuttosto piccola ma molto interessante!

Se state cercando una bella idea per una gita fuori porta di mezza giornata, la passeggiata da Oneta a Cornello dei Tasso è quindi un’ottima proposta. Riepilogando, vi aspettano: due bellissimi borghi medievali tipici dell’architettura orobica, una facile camminata nella natura tra boschi e ruscelli e un paio di interessanti musei.

INFORMAZIONI UTILI

VIA MERCATORUM da Oneta a Cornello dei Tasso
Orari di apertura: trattandosi di un sentiero di montagna, è sempre possibile percorrerlo
Costi di ingresso: gratis
Durata: 20-30 minuti (più altrettanti al ritorno)
Percorso: il percorso è prevalentemente pianeggiate e per nulla faticoso. Per questo motivo è adatto a tutti. La larghezza media è di circa 1-1,5 metri e il fondo è in parte acciottolato ed in parte in terra battuta. Il mio suggerimento è di partire da Oneta ed arrivare a Cornello dei Tasso ma è possibile anche percorrerlo nella direzione opposta. Il sentiero è facilmente identificabile e, ad Oneta, inizia proprio nei pressi della Casa di Arlecchino e della chiesa parrocchiale (troverete anche un cartello). Lungo il percorso sono presenti dei tavoli da pic nic e, a Cornello dei Tasso, delle fontane con acqua potabile. In entrambi i borghi vi sono anche ristoranti in cui pranzare o cenare.
Parcheggio: poco prima della piazzetta centrale di Oneta vi sono alcuni posti auto gratuiti. Non sono molti ma, anche qualora fossero pieni, non dovreste avere difficoltà a trovare un posteggio.
Come arrivare: Google Maps è come sempre il migliore supporto per raggiungere una località. Potete puntare su “Casa di Arlecchino Oneta” o “Oneta di San Giovanni Bianco” (attenti che nella bergamasca c’è anche un altro paese che si chiama Oneta quindi precisate sempre “San Giovanni Bianco”). Se non avete il navigatore, prendete l’uscita di Dalmine dall’Autostrada A4. Procedere poi in direzione Valle Brembana fino a San Giovanni Bianco. Subito dopo la chiesa parrocchiale, prendete la strada sulla sinistra che porta in Val Taleggio. Dopo pochi chilometri, sulla destra seguite i cartelli per l’antico borgo di Oneta.

MUSEO DEI TASSO E DELLA STORIA POSTALE
Orari di apertura: dal mercoledì alla domenica dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 18.
Costi di ingresso: gratis (è previsto un costo per le sole visite organizzate)
Come è strutturata la visita: la visita è libera. All’ingresso un addetto vi fornirà alcune spiegazioni generali sul museo e come strutturare la visita tra i differenti spazi museali.
Sito internet: http://www.museodeitasso.com/it

MUSEO CASA DI ARLECCHINO
Orari di apertura: dal 15/06 al 31/08, il mercoledì e giovedì dalle 14.30 alle 17.30 mentre da venerdì a domenica dalle 10 alle 12 e dalle 14.30 alle 17.30. Dal 01/09 al 14/06 da mercoledì a venerdì dalle 14.30 alle 17.30 mentre sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 14.30 alle 17.30. Dal 26/12 al 06/01, mercoledì e giovedì dalle 14.30 alle 17.30 mentre da venerdì a domenica dalle 10 alle 12 e dalle 14.30 alle 17.30.
Costi di ingresso: 1,50 euro (offerta libera)
Come è strutturata la visita: la visita è accompagnata dal responsabile del museo e la durata può variare sulla base dell’interesse dimostrato. Gli spazi non sono molti e nemmeno gli oggetti contenuti quindi potrebbero essere sufficienti anche 30 minuti. Durante la visita viene spiegata l’origine di Arlecchino, vengono fornite informazioni sulla Commedia dell’Arte e, infine, sull’edificio stesso. La visita è un po’ confusa ma potrete trovarla anche molto interessante. Dipende da voi!
Sito internet: mercatorumpriula.eu/musei/casa-museo-di-arlecchino/

Questa voce è stata pubblicata in Gite fuori porta, Recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *