GITE FUORI PORTA – Castel Roncolo (Bolzano)

Poco lontano dal centro di Bolzano (circa 3 km), all’imbocco della Val Sarentino, si trova uno splendido maniero. Sia che arriviate a piedi, in bicicletta o in auto, appena noterete Castel Roncolo dall’alto dello sperone roccioso sul quale troneggia orgoglioso, non potrete che rimanere a bocca aperta. Sembra perfetto, di quella perfezione che uno castel roncolo ingressosolitamente riesce ad immaginare solo nelle favole.
Vi basterà salire per il breve percorso perdonale che collega il castello al sottostante parcheggio (è in salita ma percorribile in soli 3 minuti) per realizzare che questo maniero esiste davvero ed è realmente così incantevole come sembra da lontano. Un ponte levatoio accoglie il visitatore e lo conduce all’interno delle possenti mura.
Ciò che rende celebre ed unico questo castello rispetto ai tanti che si possono incontrare in Trentino-Alto Adige sono i suoi celebri affreschi a soggetto profano, tra i più numerosi e meglio conservati del Medioevo.
Prima di avventurarci per le sale interne del palazzo, mi sembra doveroso fornire qualche breve nozione storica così da poterlo collocare in una precisa epoca e così da conoscere le vicende che lo hanno portato ad assumere la conformazione con cui si presenta ai nostri giorni. La fortezza originaria venne edificata nel 1237 come residenza dei signori di Vanga. Successivamente, nel XIV secolo, fu acquistata dalla famiglia borghese Vintler. affreschi interno castel roncoloFu proprio Franz Vintler, che tanto desiderava il titolo nobiliare, a finanziare la realizzazione dei magnifici affreschi (1388-1410) che rappresentavano il mondo cortese tardo medievale dell’epoca. Dopo una lunga serie di eventi, nel XVI secolo l’imperatore Massimiliano I avviò il restauro degli affreschi nella Casa d’Estate. Col passare dei secoli, il castello venne abbandonato e solamente nell’800 venne riscoperto grazie ai Romantici (tra cui Ludving I, re di Baviera, celebre per aver fatto realizzare il castello di Neuschwanstein) e, passato in proprietà all’imperatore Francesco Giuseppe, venne fatto restaurare e donato quindi nel 1893 alla città di Bolzano.
Veniamo ai giorni nostri. Ai più sorprenderà lo scoprire che solo negli anno ’90 del secolo scorso, Castel Roncolo (che nel frattempo aveva ospitato uffici pubblici e un’osteria) venne finalmente recuperato e che a partire dal 2000 fu definitivamente aperto ai visitatori.
Appena varcherete le mura del maniero, troverete un ufficio informazioni nel quale è possibile acquistare i biglietti e dal quale si accede alle aree in cui ammirare gli affreschi. castel roncolo esterni 1Non aspettatevi di trovare degli interni particolarmente ricchi o arredati con mobili d’epoca perché ne rimarrete delusi. Le sezioni visitabili con il ticket di ingresso, per la verità, non sono nemmeno molto ampie. Ma non fatevi ingannare perché quello che vedrete all’interno del Palazzo Occidentale e della Casa d’Estate è davvero spettacolare! La ricchezza dei cicli di affreschi, perfettamente conservati e in buona parte mai toccati da interventi di restauro (e i colori sono tutt’ora bellissimi!) hanno fatto guadagnare a Castel Roncolo il titolo di “maniero illustrato“. Si possono trovare scene di vita di corte con tornei e giochi, stemmi, splendidi tendaggi e marmi dipinti, cicli che raccontano le gesta di prodigiosi cavalieri o storie d’amore (Tristano e Isotta). Non mancano, catturando immediatamente la curiosità del visitatore più attento, alcuni dipinti con dettagli piccanti sulla vita di corte.affreschi castel roncolo
Consiglio vivamente di seguire l’interessante visita guidata che si svolge ogni giorno alle 16, della durata di circa un’ora, che prevede un piccolo sovrapprezzo di 2,70€ al biglietto di ingresso. Essendo gli unici visitatori abbiamo dovuto convincere la guida, un po’ restia dato che, al momento, non vi era altro personale al castello (ma si è subito dimostrata molto gentile). La visita è prevalentemente concentrata sugli affreschi e permette di meglio apprezzare queste interessanti pitture giunte fino a noi.
Rispetto a molte attrazioni turistiche della zona, Castel Roncolo è uno dei pochi luoghi aperti tutto l’anno (la maggior parte, infatti, chiude da novembre a marzo). Se state organizzando un itinerario da queste parti durante il periodo invernale, magari per la settimana bianca o per i mercatini di Natale, tenetelo ben presente!
In un’ala del castello, non aperta abitualmente al pubblico, vengono inoltre allestite delle mostre temporanee attinenti alla cultura medievale. Nella corte si trova, infine, l’Osteria Castel Roncolo dove il visitatore potrà rifocillarsi dopo aver contemplato le bellezze del luogo.

ORARI DI APERTURA: il castello è aperto da martedì a domenica dalle ore 10 alle 18 (ultimo ingresso mezz’ora prima della chiusura). I lunedì di Pasquetta e quello dopo la Pentecoste il castello sarà visitabile. Durante il periodo invernale (07.01 – 15.03.2014) il castello chiuderà alle 17. Visita guidata ogni giorno alle ore 16.
COSTO DI INGRESSO: 8€ (5,50€ ridotto). Per tutti i possessori della Brixen Card, l’ingresso al castello è gratuito. Per la visita guidata è richiesto un sovrapprezzo di 2,70€.
COME ARRIVARE: si può raggiungere comodamente il castello con mezzi privati fino al parcheggio sottostante (gratuito). E’ inoltre possibile arrivare con la linea di autobus pubblico n. 12 (biglietto acquistabile in tutte le tabaccherie), con il servizio di navetta gratuito che collega il castello a piazza Walther, oppure, se site degli sportivi, a piedi o in bicicletta (è disponibile una comoda passeggiata ed una pista ciclabile nel verde del Lungotalvera).

Per maggiori informazioni visita il sito internet www.roncolo.info

Clicca qui per vedere le mie fotografie di Castel Roncolo.

corte castel roncolo

Questa voce è stata pubblicata in Eventi trascorsi, Foto, Gite fuori porta. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *