GITE FUORI PORTA – Castello di Avio (TN)

Ero alla ricerca di un’idea per una gita fuori porta. Arianna aveva a disposizione alcuni biglietti per l’accesso gratuito nei beni del FAI ma quelli situati più vicini a Bergamo li avevamo già visitati quasi tutti. Allargando un po’ le distanze, la scelta è quindi ricaduta sul bel Castello di Avio (TN).

Castello Avio tusoperator

Avete presente quel castello abbarbicato su uno sperone roccioso che si vede molto bene dall’autostrada del Brennero (sulla sinistra), salendo verso Trento? Ecco, è proprio lui!
Erano diversi anni che cercavo di visitarlo ma una volta era chiuso, un’altra era troppo lontano, un’altra ancora non era comodo… Fatto sta che finalmente è giunto il momento di andarci!
L’idea di fare prima una puntatina in un agriturismo della zona non è stata molto saggia. Ci siamo rimpinzati di piatti tipici del trentino (polenta, funghi, formaggi e ovviamente i canederli). Quando però arriviamo al parcheggio ai piedi del castello ci rendiamo conto che, per raggiungere la porta-torre di accesso, dobbiamo farci 10 minuti di camminata in salita lungo un sentiero. “Facile” starete pensando voi. E invece non è così semplice se vi siete appena abbuffati di ogni ben di Dio!

avio castle

Torniamo a noi e al castello. La prima costruzione, che corrisponde a quello che oggi è il Mastio, risale attorno all’anno 1000. Ne seguirono vari ampliamenti durante l’Alto Medioevo durante i quali vennero costruiti giri di mura, torri e palazzi. Saltando di alcuni secoli, durante i quali il castello visse varie vicissitudini e passaggi di proprietà, durante il XIX secolo i proprietari decisero di smantellare i tetti e i soffitti per evitare di pagare le tasse su un complesso di edifici ormai in disuso. Inutile dire che questo comportò un ancor più rapido degrado, la perdita di buona parte degli affreschi che abbellivano le pareti e il crosso di alcune parti.
La storia del castello, però, ha un lieto fine. Negli anni ’70 del secolo scorso, in seguito ad una donazione, il FAI entra in possesso del complesso e, negli anni a venire, inizia un lento ma sapiente recupero.

Castello Avio autunno

Oggi il castello di Avio è una meta imperdibile per gli amanti dei castelli medievali ed è pure facilmente raggiungibile se vi state spostando verso il Trentino-Alto Adige per una breve o lunga vacanza. A me il complesso, pur essendo sostanzialmente spoglio, è piaciuto davvero moltissimo ma sono sicuro che i bambini in visita si divertiranno ancora di più. Già perché il FAI ha ideato una modalità di visita tutta speciale per loro: all’acquisto del biglietto di ingresso viene consegnata una bella caccia al tesoro! I piccoli visitatori dovranno cercare i ritratti di 7 personaggi legati al castello e recuperare la figurina di ciascuno di essi.
Mentre spiavamo un bimbo tutto assorto nella ricerca, ho visto che uno dei nascondigli consisteva in una piccola botola di legno nascosta nelle mura di cinta. Le cose si fanno sul serio da queste parti!
Abbiamo scambiato due parole anche con una mamma ed era tutta esaltata perché non aveva mai visto la propria figlioletta tanto entusiasta per una visita. Poi, mentre chiacchierava con noi, si è girata alla ricerca della figlia che, nel frattempo, era fuggita al piano successivo della torre per raggiungere l’indizio successivo.

Castello Avio 2

Che cosa bisogna aspettarsi dalla visita? Prima di tutto è opportuno precisare che, acquistato il biglietto, potrete girare liberamente per il complesso (vi verrà rilasciata una cartina con delle informazioni). Le visite guidate sono prenotabili esclusivamente per i gruppi.
Dato che il castello è stato lasciato all’abbandono per secoli, non aspettatevi di trovare sale riccamente decorate ed arredate. Il complesso è stato recuperato e restaurato mantenendo però sostanzialmente lo stato in cui si presentava. Gli spazi da visitare sono molti e sono distribuiti tra questi corpi principali: la Casa delle Guardie, il Mastio e il Palazzo Baronale. In alcuni di essi troverete dei bellissimi affreschi come quelli nella Stanza delle Guardie e nella Camera di Amore.
Lasciatevi trasportare dalla magia di questo luogo e gironzolate in lungo e in largo. A mio parere è questo il modo migliore per apprezzare la visita al castello!

affreschi castello avio

INFORMAZIONI UTILI
Orari di apertura: il castello è aperto da mercoledì a domenica (lunedì e martedì solo se festivi). Dal 5 marzo al 30 settembre l’orario è dalle ore 10 alle 18 mentre dall’1 ottobre fino al 27 novembre dalle ore 10 alle 17 (ultimo ingresso mezz’ora prima della chiusura). Nel mese di agosto è aperto anche il martedì.
Costi di ingresso: 7 euro (3€ ridotto). Ingresso gratuito per gli iscritti al FAI. Sono previste anche altre riduzioni e pacchetti famiglia.
Come è strutturata la visita: per il visitatore singolo non sono previste visite guidate. E’ quindi possibile girare liberamente per il castello e ammirare in libertà i numerosi ambienti. All’acquisto del biglietto viene consegnata una cartina con alcune informazioni. Lungo il percorso si trovano anche dei pannelli relativi alla caccia al tesori per bambini che contengono comunque informazioni interessanti.
Durata della visita: mettete in conto almeno 1-2 ore tra la passeggiata per raggiungere il castello e la visita dei vari spazi. Se avete fretta, potreste anche impiegarci molto meno.
Come arrivare e parcheggio: raggiungere il castello in auto è molto semplice, basta uscire dall’autostrada del Brennero A22 al casello di Ala-Avio (tra Verona e Trento) e poi seguire i cartelli indicatori. Ai piedi del castello si trovano diversi posti auto. Se non temete le strade sterrate, potete raggiungere anche quelli un po’ più in prossimità del complesso altrimenti vi conviene parcheggiare in paese. Mettete in conto, ad ogni modo, una breve passeggiata di 10 minuti (circa 500 metri)lungo una strada di terra battuta o tramite un piacevole sentiero di montagna. Per chi si sposta in treno, è possibile scendere alla Stazione di Avio della linea Verona-Brennero (dista circa 2,5 km dal castello). Chi viaggia in pullman e arriva da Trento, invece, può scendere alla fermata Sabbionara d’Avio (dista circa 1 km dal castello).

Per maggiori informazioni visita il sito www.visitfai.it/castellodiavio

20161101_151620

Castello Avio

Questa voce è stata pubblicata in Gite fuori porta, Recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *