MANCHESTER: cosa vedere in un giorno

MANCHESTER: cosa vedere in un giorno

Si può visitare Manchester in un solo giorno? Yes, no problem!
Manchester è una delle più grandi città del Regno Unito ma il suo centro storico è concentrato in un’area non eccessivamente estesa. Questo vi permetterà facilmente di visitarla in un solo giorno. Anzi, vi stupirò dicendovi che vi avanzerà anche un po’ di tempo per lo shopping o per qualche vostro approfondimento personale.

Pensando a Manchester, a me vengono subito alla mente almeno due cose: l’omonima squadra di calcio e la rivoluzione industriale.
Visitando la città vi renderete immediatamente conto di quanto questi due elementi siano effettivamente parte integrante di Manchester. Il primo per via dell’Old Trafford (il celebre stadio cittadino) e del National Football Museum ed il secondo per lo stile tipicamente british-industriale di alcuni quartieri (Castelfield in primis) e per il Museum of Science and Industry.

Voglio essere onesto fin da subito. Manchester non è certamente una delle più belle città al mondo. Al turista si presenta con una manciata di interessanti attrazioni ma non è certamente grazie al suo fascino che giungerete in città. Chi viene a Manchester lo fa spesso per assistere ad una partita di calcio o ad un concerto o per motivi di lavoro. Ma vi renderete conto che queste sono ottime scusanti per visitare Manchester e per scoprire che, dopotutto, la città è più bella di quanto vi sareste immaginati. Fidatevi di me!

All’inizio dell’articolo vi stavo dicendo che Manchester può essere tranquillamente visitata in un giorno. Il mio tour è iniziato dalla splendida Castelfield, un quartiere a sud, e sono poi risalito a piedi verso nord giungendo fino ai dintorni della Cattedrale. Ho trovato l’itinerario trovato comodo perché la sera avevo un concerto al Manchester Arena (che è a 5 minuti a piedi dalla Cattedrale) ma credo sia comunque una buona proposta per tutti in quanto i musei chiudono alle 17 e, giungendo alla fine del vostro itinerario nella zona più centrale della città, avrete modo di trascorrere le ultime ore del pomeriggio tra cafè e centri commerciali (ormai avrete visto tutte le principali attrazioni).

 

MANCHESTER: itinerario per visitare la città in una giornata

CASTELFIELD
Mi sono innamorato di questo quartiere! Credo sia la zona più bella della città, quella che ti fa dire “ecco quello che mi aspettavo da Manchester”. Si trova a sud del centro cittadino ed è sviluppato attorno ad alcuni canali. L’architettura, interamente recuperata, è quella tipica industriale inglese con mattoncini rossi e linee rigorose. Concedetevi un’oretta per passeggiare attorno al Bridgewater Canal (sul navigatore prendete come riferimento la parte di Castle St che attraversa il canale). Seguite il vostro istinto attraverso i piccoli ponti pedonali, curiosate tra le case galleggianti ai bordi del canale ed osservate le anatre che nuotano. Se non avete fatto ancora colazione, cercate un locale aperto e godetevi la tranquillità di questo luogo di prima mattina. La sera l’atmosfera si fa più frizzante e vivace grazie ai tanti ristoranti e bar all’ultima moda. Sarebbe una bella idea, se Castelfield vi è piaciuta, tornarci anche dopo il tramonto.

FORTE ROMANO
Dirigendovi verso il Museum of Science and Industry, attraverserete il Castelfield Urban Heritage Park. Si tratta di un parchetto con i resti dell’antico forte romano. Non è nulla di imperdibile e gli edifici sono ristrutturati/ricostruiti un po’ troppo in stile disneyland ma tanto vale passare di qui per raggiungere la vostra prossima meta.

MUSEUM OF SCIENCE AND INDUSTRY
Anche se non siete grandi fans di musei, quello della Scienza e dell’Industria va visitato. A mio avviso, i motivi sono almeno tre:
1) il museo è gratuito (come tutti gli altri della città)
2) Manchester è sinonimo di rivoluzione industriale e qui, come da nessun’altra pare della città, lo si può percepire
3) gli spazi museali sono ben strutturati e risistemati di recente. Anche se non siete venuti fino a Manchester per vedere telai industriali, locomotive e tecnologie è davvero un bello spazio e merita di dedicarci almeno 30-45 minuti (ma gli appassionati ci spenderanno tranquillamente qualche ora).
Informazioni pratiche: orario di apertura 10-17 (verificare sul sito internet) e ingresso gratuito.

THE JOHN RYLANDS LIBRARY
Bella. Anzi no, bellissima! Risalendo verso nord, dopo circa 10 minuti di passeggiata, vi imbatterete in questa storica biblioteca. L’esterno in stile neogotico è stato in parte inglobato nella struttura della moderna biblioteca (da cui si accede). I corridoi, le stanzette in cui sono esposti dei volumi antichi ed, infine, il salone monumentale sono un gioiello del XIX secolo e ricordano molto le antiche cattedrali gotiche.
Il percorso è reso simpatico anche da alcune postazioni in cui è possibile indossare cappelli e giacche d’epoca oppure in cui farsi ritrarre dietro una cornice di cartone.
Informazioni pratiche: orario di apertura 10-17 (verificare sul sito internet) e ingresso gratuito.

ALBERT SQUARE
La principale piazza storica della città è sicuramente Albert Square. Al centro è collocato l’Albert Memorial in stile neogotico ma tutti gli occhi sono attirati dall’imponente Manchester Town Hall, il neogotico municipio che ricorda un po’ il Parlamento di Londra.
Durante la mia visita, la piazza era oggetto di importanti interventi di recupero edilizio e credo che i lavori continueranno ancora per altri anni. Però vale comunque la pena passarci.

ST PETER’S SQUARE
Oltre alla facciata posteriore del Town Hall, l’altro edificio di spicco della piazza è la Manchester Central Library, edificata negli anni ’30 del secolo scorso. La sala principale al primo piano, dedicata allo studio, è sormontata da una grande cupola e ricorda un po’ il Pantheon di Roma.
Informazioni pratiche: orario di apertura 9-17/9-20 (verificare sul sito internet) e ingresso gratuito.

MANCHESTER ART GALLERY
Ad un angolo di St Peter’s Square troverete la principale pinacoteca cittadina, specializzata in pittori inglesi del XIX secolo e famosa per la sezione dedicata ai Pre-Raffaeliti. Anche se non siete troppo amanti del genere, io vi consiglio comunque di entrare a dare un’occhiata anche perché l’ingresso è gratuito. Le opere sono molte e gli spazi ben curati. Troverete sicuramente qualche tela interessante!
Informazioni pratiche: orario di apertura 9-17 (verificare sul sito internet) e ingresso gratuito.

CHINATOWN
A questo punto della giornata inizierete ad avere fame. Siamo già all’ora di pranzo! Nei dintroni di St Peter’s Square ci sono alcuni locali e ristorantini ma se avete voglia di cucina cinese, potete fare una piccola deviazione verso Chinatown. Superata la Manchester Art Gallery, curvate in Nicholas St e dopo un centinaio di metri troverete un arco in stile tipicamente cinese. Siete arrivati! Non è un quartiere particolarmente pittoresco come quello di Londra ma, se avete voglia di involtini primavera e anatra laccata, siete nel posto giusto.

ST ANNE SQUARE
Per raggiungere questa piazza potete percorrere Cross St (che inizia in Albert Square) in direzione nord. Lungo il percorso troverete negozi e ristoranti e, probabilmente, verrete distratti da King St, una via pedonale perpendicolare a Cross St con qualche edificio antico e tanti negozi.
St Anne Square è dominata dall’omonima chiesa, edificata nel XIX secolo in stile neo-classico, ed è una zona piuttosto vivace.

EXCHANGE SQUARE
Continuando verso nord lungo Exchange St si costeggia qualche grande centro commerciale e si sbuca finalmente in Exchange Square, la piazza più viva della città. Il contrasto tra edifici antichi e moderni è molto forte. Oltre ai bombardamenti della IIa Guerra Mondiale e all’attentato dell’IRA del 1996, ci si sono messi anche gli interventi di riqualificazione urbana degli anni ’60. Fortuna vuole che sia sopravvissuto almeno uno dei locali più caratteristici e famosi di Manchester: il Sinclairs Oyster Bar dove pare si possa assaggiare la birra più economica di tutta Manchester (se siete pazienti e vi mettete in coda all’ingresso)!

MANCHESTER CATHEDRAL
Attraversando lo stretto passaggio di Cathedral Gates, una stradina accanto al Sinclairs Oyster Bar, vi troverete davanti alla bella cattedrale gotica di Manchester. Edificata nel XV secolo e di dimensioni piuttosto contenute rispetto alla grandezza della città, è stata più volte rimaneggiata nei secoli soprattutto in seguito ai bombardamenti della IIa Guerra Mondiale. L’interno è tipicamente gotico e molto elegante. Degni di nota sono i curiosi angeli musicanti posti sulla sommità delle colonne (risalenti al XV secolo) ed il bel coro ligneo.
Quando ho attraversato l’interno della cattedrale, ho notato un cartello che citava qualcosa in proposito ad un té pomeridiano. Vi lascio immaginare il mio stupore quando ho scoperto che l’evento si svolgeva in cattedrale! Una cinquantina di anziani signori, seduti ai loro tavolini, erano intenti a bere té ed addentare bellissimi capcake mentre un uomo al microfono (il reverendo?) estraeva i biglietti della lotteria. Fantastico!
Informazioni pratiche: orario di apertura 8.30-18.30 (verificare sul sito internet) e ingresso gratuito.

NATIONAL FOOTBALL MUSEUM
Alle spalle della Cattedrale si estendono i Cathedral Gardens, dei giardini pubblici piuttosto gradevoli e tranquilli. Gli appassionati di calcio però vi presteranno poca attenzione e si dirigeranno immediatamente verso il modernissimo palazzo in vetro che ospita il National Football Museum. Io non sono appassionato di calcio per cui non sono la persona più adatta per descriverlo. Ad ogni modo, gli spazi sono davvero grandi, distribuiti su più piani e ben allestiti.
Informazioni pratiche: orario di apertura 10-17 (verificare sul sito internet) e ingresso gratuito.

CHETHAM’S LIBRARY
All’angolo nord dei Cathedral Gardens, si trova anche la Chetham’s Librery, la biblioteca pubblica più antica di tutto il Commonwealth (fondata nel 1653). Tra le migliaia di opere qui conservate, si trovano anche la copia delle opere di Prospero d’Aquitania appartenuta al re Enrico VIII e la prima edizione dei Principia Mathematica di Isaac Newton. Nella grande Reading Room, la sala di lettura, si trovano arredi del XVII secolo e perfino la nicchia con la scrivania intorno alla quale Karl Marx e Friedrich Engels scrissero il Manifesto del Partito Comunista.
Informazioni pratiche: orario di apertura 9.30-12.30 e 13.30-16.30 (verificare sul sito internet) e ingresso gratuito.

NORTHERN QUARTER 
Ora che la visita delle principali attrazioni della città si è praticamente conclusa, potete darvi allo shopping. Se preferite quello più tradizionale, potete fermarvi in uno dei tanti centri commerciali attorno ad Exchange Square. Provate The Printworks, una galleria commerciale e ricreativa piena di cinema, pub e locali dove bere e mangiare (incluso l’Hard Rock). Se invece siete alla ricerca di uno shopping più alternativo e dal sapore vintage, dirigetevi a sud-est curiosando nei negozi del Northern Quarter. A me non ha fatto impazzire perché un po’ decadente ma pare che la sera sia ricco di vita grazie ai suoi numerosi locali.

GAY VILLAGE
Se avete ancora un po’ di tempo o se state pensando ad una serata differente, esplorate il Gay Village, la zona lungo Canal Street e il Rochdale Canal (non molto distante da Piccadilly Station) che è il cuore LGBT della città e dove si tiene ogni estate il famoso Manchester Pride. Oltre alle colorate bandiere arcobaleno, troverete locali e ristoranti.

 

COME SPOSTARSI IN CITTA’

Il centro cittadino non è particolarmente esteso quindi il mio suggerimento è quello di spostarsi a piedi. La città, ad ogni modo, è dotata di efficienti mezzi di trasporto tra cui tram, bus e taxi. Se avete bisogno di informazioni vi rimando al sito vivereamanchesteruk.co.uk dove troverete tutto ciò di cui avrete bisogno.
Io non ho utilizzato i mezzi pubblici se non per raggiungere la città dall’aeroporto (vi darò qualche informazione più avanti). Per il resto mi sono spostato a piedi o con la Mobike. La conoscete? Si tratta di un comodo bike sharing, tutto gestito tramite app (davvero semplicissima!), che vi consente di individuare, sbloccare e utilizzare le biciclette in tutta la città. La cosa comoda è che potere trovarle e lasciarle ovunque. Il costo è di circa 0,70€ per 20 minuti. Per maggiori informazioni, scaricate l’app sul vostro smartphone o visitate il sito mobike.com.

 

COME ARRIVARE DALL’AEROPORTO

L’aeroporto di Manchester, in cui atterrerete anche con i voli Ryanair, si trova a circa 18 km dal centro della città. Il mezzo di trasporto più comodo e conveniente per raggiungerlo è il treno. La stazione è adiacente al Terminal 1 ma è facilmente raggiungibile a piedi in 10 minuti anche dagli altri Terminal (troverete molti cartelli che vi indicheranno la direzione). Il biglietto costa attorno a 4£ e lo si può acquistare alle biglietterie o alle comode macchinette automatiche. I treni sono piuttosto frequenti (ce n’è uno ogni 15-20 minuti) e la durata del viaggio varia tra i 15 e i 25 minuti. I treni diretti in città si fermano tutti a Piccadilly Station mentre solo alcuni arrivano anche a Victoria Station (nei pressi della Cattedrale). Per maggiori informazioni e per gli orari, visitate il sito thetrainline.com.
Un altro mezzo, anche se più scomodo se siete diretti in centro, è il tram. E’ disponibile una linea che collega l’aeroporto con le zone suburbane a sud della città. Per maggiori informazioni fate un salto su tfgm.com.
Per chi ha fretta e un budget più elevato c’è ovviamente il taxi. Il prezzo è di circa 20£.



Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.