GITE FUORI PORTA - Vezzano Ligure (SP)

GITE FUORI PORTA - Vezzano Ligure (SP)

Vezzano Ligure, formato in realtà da un agglomerato di frazioni, si trova sui monti dell’entroterra della provincia di La Spezia e, da lontano, guarda il mare. Non è una consueta tappa turistica ma l’ho trovato, comunque, molto carino e caratteristico con quel suo sapore di tipico borgo medievale ligure.

Le località più interessanti sono Vezzano Basso e Vezzano Alto dove, passeggiando tra le viette strette e sotto gli archi, potrete imbattervi in piazzali dal fine decoro del selciato, in chiese molto carine, in un antico pozzo, in una torre pentagonale o nei resti di un scomparso castello.

Ecco le principali cose da vedere a Vezzano:

  • Vezzano basso, torre pentagonale (metà sec. XIII): la torre, a pianta pentagonale, con vertice volto verso la zona da sorvegliare e difendere, è progettata con rigorosa simmetria geometrica. Divisa in più piani, raggiungibili con scale lignee retrattili, ha ingresso in quota, ed è munita di feritoie arciere a difesa. Per quanto oggi si levi isolata al margine di un piazzale, ancora nel XVIII secolo aveva strutture di difesa contigue. Come le coeve torri pentagonali di Lerici e Arcola, doveva essere la turris grossa del complesso fortificato medievale sul quale, nel settore orientale, è stato edificato il nobiliare palazzo Giustiniani, oggi in prevalenti forme setteottocentesche, con giardino. Sono ancora riconoscibili un tratto della cinta muraria medievale ed una torre cilindrica.
  • Vezzano Basso, porta di San Giorgio ( secc. XIII- XIV): la porta ad arco ogivale, con accenno di bicromia, immetteva dalla via della Ripa, che
    sale dalla riva destra della Magra, al borgo di San Giorgio, raggruppamento di case raccolte intorno ad una piccola corte quadrangolare, così
    denominato, secondo la tradizione, da una chiesa di cui si hanno pochissime notizie. Il nucleo è periferico allo sviluppo dell’abitato
    inferiore, ordinatosi secondo uno schema, determinato dalla fortificazione, avvolgente, a più anelli, che si dispongono secondo le curve di livello del rilievo. Alle spalle dell’arco la volta di una terrazza-aia ( secc. XVIII-XIX), tipica struttura funzionale annessa alla abitazioni.
  • Vezzano Basso, chiesa di Santa Maria (XII- XV secolo): chiesa officiata inizialmente da canonici regolari, poi parrocchia del borgo, fu ricostruita in stile romanico nel secolo XII, con pianta a navata unica absidata, in comunicazione con una torre campanaria, oggi tronca. Si imposta su una precedente fondazione altomedievale, più volte ristrutturata, i cui resti sono visibili dall’area presbiteriale. Nel secolo XV venne aggiunta una seconda navata, separata da archeggiature ogivali su pilastri, uno dei quali affrescato, dopo che fu aggregata al Capitolo cattedrale lunense, nel 1599 eretta in vicaria perpetua. Nel 1708 fu ricostruito il campanile, ma l’ente era già in decadenza. Durante i restauri, iniziati nel 1985, seguiti da scavi archeologici, è stato rinvenuto nel basamento dell’altare maggiore romanico un pregevole sarcofago monolitico marmoreo altomedievale, ricavato da un architrave romano di spoglio decorato.
  • Vezzano Basso, chiesa di San Michele (secc. XIII- XV): la chiesa, oggi sconsacrata, ha pianta a navata unica ed abside piana, è menzionata nella documentazione scritta per la prima volta nel 1224, ma mantiene soltanto in parte le caratteristiche basso-medievali. Il profilo di un arco ogivale è ancora visibile sotto il portale settecentesco. Nel XV secolo venne fortificata con l’aggiunta di una scarpatura e l’apertura di feritoie per armi da fuoco (troniere), al fine di un utilizzo difensivo dell’edificio, dovuto ad un consolidamento del perimetro fortificato. Fu forse chiesa castrense, nel XVI secolo era divenuta un oratorio.
  • Vezzano Basso, chiesa di San Sebastiano e Santa Maria Assunta: eretto dal 1602 al 1620 come oratorio dedicato a San Sebastiano, per volontà dei cardinali Paolo Emilio e Laudivio Zacchia, di eminente famiglia vezzanese, nel luogo detto il Campo, sulla sella sottostante il castello, come documentano alcune epigrafi commemorative e gli stemmi degli ecclesiastici committenti sulla facciata dell’attigua canonica. La decadenza della chiesa di Santa Maria portò allo spostamento di parte dell’arredo sacro, come il fonte battesimale (fine XVI secolo), e delle funzioni parrocchiali.

  • Vezzano Alto, il Borgo: l’insediamento che si formò intorno alla fortificazione superiore, ha una forma quadrangolare, fu in seguito circondato da un cortina di cui rimane traccia in torri cilindriche, oggi in parte inglobate in costruzioni posteriori. Un successivo settore insediativo a disegno lineare, chiamato il Borgo, organizzato dalla strada centrale piuttosto ampia, quasi una corte con pozzo, mostra indizi di una pianificazione urbanistica, forse risalente al secolo XIII, anche se l’aspetto delle strutture edilizie non appare attualmente anteriore al XV- XVI secolo.
  • Vezzano Alto, chiesa di San Siro (secc. XII- XV): attestata nel XII secolo, è giunta in forme tardo-gotiche fino al 1880, quando venne abbattuta per la costruzione della strada carrozzabile per Buonviaggio. Era a tre navate, terminanti con abside piana, divise da archi ogivali in mattoni, di cui rimane traccia nel contiguo campanile, cui si accedeva dalla chiesa stessa. Un frammento di affresco con Annunciazione (inizi sec. XVI) è oggi ricoverato nel Santuario di N. S. del Soccorso. L’architrave rappresentante Sant’Antonio Abate fra due disciplinanti (1514), murato nell’attiguo oratorio, proviene da quello dedicato al santo, presso Santa Maria in Vezzano Basso, diruto per la costruzione del cimitero moderno
    Vezzano alto, chiesa di Nostra Signora del Soccorso Fu fondato inizialmente come oratorio dedicato a Santa Maria Vergine, dopo un’apparizione miracolosa di un’immagine della Madonna, caduta dal cielo al Molinello, durante la peste del 1524, che mise fine all’epidemia. Riattata e considerata santuario mariano, soppiantò, poi, per esser posta nella fascia di sviluppo abitativo di età rinascimentale del borgo superiore, la parrocchiale di San Siro, che a sua volta aveva assunto le competenze della pieve di San Prospero (prima metà del secolo XI), posta presso il fiume in località Corongiola, oggi Bottagna. È racchiusa in un recinto, cui si accede da un portale che immette sul vasto sagrato pavimentato con
    mosaico di ciottoli fluviali disposti in figure geometriche (sec. XIX).
  • Borgo Mitiliano, ospitale di San Niccolò:  un ospitale titolato a San Niccolò, santo cui sono dedicate molte strutture di pellegrinaggio, è attestato alla fine del XIV secolo. Nel XVI sappiamo che era diviso in due corpi: una cappella e locale annesso per viandanti e infermi ed una domus per i predicatori. Rimase attivo fino al XIX secolo. La struttura dell’attuale edificio, assai deteriorato, sembra appartenere al XVII-XVIII secolo, con
    tracce di muratura tardo medievale. In facciata reca una lapide marmorea con la data del 1705. Si trova lungo il percorso fra i due principali nuclei abitativi, che dal XV secolo sono denominati Vezzano Superiore e Inferiore, collegati dal lineare Borgo Mitiliano, detto il Capitolo.

Ecco la mia guida turistica in formato pdf: Vezzano Ligure, la mia guida turistica



Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *