VALLE CAMONICA: COSA FARE IN UN GIORNO

VALLE CAMONICA: COSA FARE IN UN GIORNO

State programmando di visitare le bellezze storiche della Valle Camonica in un giorno? Siete nel posto giusto!

A quanto pare già dall’antichità ci si era accorti di quanto bella e ricca fosse questa valle del bresciano. Già perché è proprio sulle sue rocce che gli antichi camuni, durante la preistoria, lasciarono le loro celebri incisioni. Ma il laborioso popolo di queste zone non si è certo fermato a quei tempi lontani.
Vediamo insieme cosa fare in una giornata in Valle Camonica.

 

 

PRIMA TAPPA: PARCO DELLE INCISIONI RUPESTRI DI NAQUANE

Gli antichi camuni si diedero parecchio da fare ed è proprio grazie alle loro incisioni, dalla preistoria in poi, che ancora oggi possiamo leggere, quasi come un fumetto, la storia di questa valle. Se non avete voglia o tempo per visitare i numerosi parchi rupestri della zona, vi consiglio di concentarvi unicamente su quello di Naquane (Capo di Ponte – BS).

All’interno di questo parco, immergo in un bel bosco di abeti, castagni e betulle, si possono ammirare ben 104 rocce con incisioni. Le principali e più facilmente leggibili sono circa una dozzina ma, credetemi, sono molto ampie e ricche e saranno più che sufficienti per farvi innamorare di questo posto.

Sulle grandi superfici di arenaria, levigate dall’azione dei ghiacciai, gli antichi abitanti della valle incisero immagini, reali e simboliche, tratte dalla loro vita quotidiana e dal loro mondo spirituale. Ci sono cacciatori, cervi, carri, villaggi, labirinti e molto altro.
Le incisioni vanno dal Neolitico (IV millennio a.C.) all’età del Ferro (I millennio a.C.), epoca di particolare fioritura del fenomeno, quando la valle era abitata dagli antichi Camunni. Non mancano anche incisioni di età successive.

PERCORSI

Il parco è suddiviso in 5 percorsi, contraddistinti da colori differenti. Gli imperdibili sono quello arancione (con la fantastica roccia n. 1) e quello blu. Essi disegnano quasi un percorso ad anello e soddisferanno appieno le vostre esigenze.
Se avete tempo aggiungete anche quello verde. A meno che non siate degli appassionati, eviterei invece i percorsi viola e rosso.

Il percorso arancione e blu richiede circa 1 ora, calcolando tempi adeguati per ammirare le rocce e per le soste.
Munitevi di scarpe comode o scarponcini perché i sentieri, pur essendo ben tenuti, sono in terra battuta o sassi.

STRUTTURE E SERVIZI NEL PARCO

Il primo edificio ad accogliervi è la biglietteria dove vi verrà consegnata una bella mappa che vi consentirà di orientarvi nel parco. Di fronte, anche se non sempre aperta, trovate il book e gift shop.
I servizi igienici, molto puliti e perfino leggermente riscaldati, si trovano invece davanti alla roccia n.1 (a circa 5-10 min a piedi dalla biglietteria).

COSTO DI INGRESSO

Intero: € 6
18 – 25 anni: € 3
Fino ai 18 anni: gratis

Nel biglietto è incluso anche il MUPRE (Museo Nazionale della Preistoria della Valle Camonica) a Capo di Ponte (BS). E’ aperto tutto l’anno dal mercoledì alla domenica (e nei giorni festivi) dalle 14.00 alle 18.00. Chiuso il lunedì e il martedì.
Per maggiori informazio sul MUPRE visita il sito http://www.mupre.capodiponte.beniculturali.it/

ORARI DI APERTURA

Orario invernale (in vigore dal 1 ottobre 2018): dal martedì alla domenica dalle 8:30 alle 16:30 (chiusura cassa 16:00). Chiuso il lunedì.
Verifica gli orari di apertura on line www.parcoincisioni.capodiponte.beniculturali.it

COME ARRIVARE E PARCHEGGIO

Una volta giunti a Capo di Ponte (BS), seguire le indicazioni per la Stazione dei Carabinieri e per la Chiesa delle Sante, nei pressi della quale è possibile posteggiare l’auto: di qui, seguendo i cartelli, si raggiunge in circa 5-10 minuti a piedi l’ingresso del Parco.
Google Maps vi porterà in un punto molto vicino al parcheggio (in zona comunque è pieno di cartelli stradali).

I pullman possono parcheggiare nel piazzale dell’Hotel Graffiti; attraversata la Strada Statale 42, si può imboccare il percorso pedonale che raggiunge il Parco per la via Ronchi di Zir.

ACCESSIBILITA’

Trattandosi di un percorso in mezzo alla natura, l’accessibilità per le persone diversamente abili in carrozzina è piuttosto difficoltoso. Contattate eventualmente il parco per maggiori informazioni.

SECONDA TAPPA: PRANZO

Visitato il parco delle incisioni rupestri, sarà probabilmente arrivato l’orario del pranzo. E dopo la passeggiata nella natura avrete certamente fame.

Capo di Ponte (BS) offre diversi ristoranti dove assaggiare la cucina della valle e delle zone circostanti. Io mi sono trovato molto bene da ArtInTavola (Via Nazionale, 38), aperto a pranzo tutti i giorni della settimana. Se siete un piccolo gruppo, è il posto che fa per voi!
In un ambiente molto carino e dal sapore montano, il ristorante-gastronomia propone alcuni menù a prezzo fisso (durante la settimana) e piatti abbondanti. La cucina è quella della zona: ricca e calorica. Ho mangiato molto bene ed il personale è stato molto gentile. Ve lo consiglio!

 

TERZA TAPPA: CHIESE ROMANICHE DI CAPO DI PONTE

Facciamo un salto in avanti di alcuni millenni e fermiamoci nell’Alto Medioevo. Il popolo della valle realizzò sempre a Capo di Ponte (BS) alcune bellissime chiese romaniche: la Pieve di San Siro e il Monastero di San Salvatore.

LA PIEVE DI SAN SIRO DI CEMMO

Sull’altra sponda del fiume Oglio, in splendida posizione su di una rupe, appare questa incredibile pieve del XI/XII secolo. Il lato che vi mostra è quello posteriore, arricchito da tre belle absidi cilindriche. E’ davvero un incanto!

L’edificio non ha una vera e propria facciata principale ma l’ingresso laterale è arricchito daun bel portale strombato con decorazioni in rilievo.
Se trovate la chiesa chiusa non scoraggiatevi perché avrete comunque modo di ammirare gli splendidi esterni.

Come arrivare e parcheggio: vi consiglio di lasciare l’auto nel posteggio gratuito di p.zza Roma (Capo di Ponte), di attraversare il ponticello e di risalire un breve e facile percorso in terra battuta/roccia (calcolate al massimo 10 minuti a piedi) fino alla chiesa (situata appunto nella frazione di Cemmo).

Orari di apertura: nel periodo che va dal 1 luglio al 31 agosto, la Pro Loco organizza un’apertura custodita dalle ore 15.00 alle 18.00. Durante il resto dell’anno, è necessario contattare la Pro Loco per un’apertura straordinaria (tel 0364.42080 – email proloco.capodiponte@invallecamonica.it). Il personale è molto gentile e vi manderà un custode ad aprire.

Costo di ingresso: nel periodo che va dal 1 luglio al 31 agosto l’apertura è gratuita. Per le aperture straordinarie è invece richiesta dalla Pro Loco una quota di 15 € a gruppo per la singola chiesa o di 20€ se si abbinano entrambe le chiese romaniche.

Accessibilità: la chiesa non è raggiungibile per le persone diversamente abili in carrozzina in quanto collegata unicamente da sentieri.

Per maggiori informazioni visita il sito www.capodiponte.eu

MONASTERO DI SAN SALVATORE

Il monastero risale all’inizio del XII secolo ed apparteneva all’ordine cluniacense. Oggi rimane la bellissima chiesa romanica con l’interno a tre navate. All’altezza del presbiterio si erge un tiburio ottagonale (cupola) che domina l’esterno dell’edificio.
Spesso il sito non è raggiungibile in quanto potreste trovare i cancelli chiusi. In tal caso, non riuscirete a vedere nemmeno gli esterni.

Come arrivare e parcheggio: il monastero si trova appena fuori dal centro abitato di Capo di Ponte. Se lo inserite su Google Maps, arriverete in pochi minuti senza alcun problema. Lungo la strada troverete dei parcheggi (sono sia subito prima dei cancelli che oltre il tornante).

Orari di apertura: è necessario contattare la Pro Loco per un’apertura straordinaria o per informazioni su eventuali altre aperture.

Costo di ingresso: per le aperture straordinarie è richiesta dalla Pro Loco una quota di 15 € a gruppo per la singola chiesa o di 20€ se si abbinano entrambe le chiese romaniche. Il personale è molto gentile e vi manderà un custode ad aprire.

Accessibilità: l’esterno è raggiungibile anche per le persone in carrozzina. Per l’interno è invece necessario l’aiuto da parte di accompagnatori o del personale.

Per maggiori informazioni visita il sito www.capodiponte.eu

 

 

QUARTA TAPPA: AFFRESCHI DEL ROMANINO A PISOGNE

Se le vostre energie non si sono ancora esaurite, sulla via del ritorno vi consiglio di fermarvi a Pisogne (BS). Dopo le incisioni rupestri e gli edifici romanici, facciamo un salto in avanti nel rinascimento. Nella Chiesa di Santa Maria Della Neve, appena fuori dal centro, troviamo uno splendido ciclo di affreschi del più importante pittore rinascimentale del bresciano: Girolamo Romanino. Nel 1533 venne chiamato per realizzare qui un grandioso ciclo sul tema della Passione, Morte e Resurrezione di Cristo.

C’è chi ama definire questa chiesetta la “Cappella Sistina bresciana” e, credetemi, il paragone regge.

ORARI DI APERTURA

Giovedì, Martedì, Mercoledì, Venerdì: aperta il pomeriggio dalle 14 alle 18
Sabato e Domenica: aperta dalle 10 alle 18
Giorni di chiusura: Lunedì

COSTI DI INGRESSO

Non è richiesto alcun biglietto per l’ingresso (c’è la possibilità di lasciare un’offerta).
Solamente eventuali aperture straordinarie o su richiesta prevedono un pagamento.

Per maggiori informazioni visita il sito www.visitlakeiseo.info

QUINTA TAPPA: APERITIVO SUL LAGO

Giunti a questo punto sarete ormai stanchi di tanta bellezza e avrete bisogno di un break. Per un aperitivo o una cenetta con vista lago vi lascio due opzioni:

PISOGNE (BS): è sicuramente la soluzione più comoda in quanto il lungolago dista pochissimi minuti in auto dalla Chiesa di Santa Maria della Neve. Potete sorseggiare un aperitivo con il sole che tramonta sul Lago d’Iseo

LOVERE (BG): rispetto a Pisogne, Lovere ha sicuramente una marcia in più: è uno dei Borghi più Belli d’Italia ed è decisamente più carino e vivace. Potete fare una piccola passeggiata sul lungolago e poi fermarvi in un bar per contemplare il tramonto. Dalla Chiesa di Santa Maria della Neve (Pisogne) dista giusto 10-15 minuti in auto.

 



Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.