BUDAPEST: 8 cose da non perdere

BUDAPEST: 8 cose da non perdere

Budapest è la capitale dell’Ungheria ed una delle città più belle d’Europa.
“Che esagerato!” starete pensando voi “come può una città dell’est reggere il paragone con altre capitali europee?”. E’ più o meno quello che ho pensato io entrambe le volte che mi sono ritrovato tra le mani i biglietti del volo per Budapest. Si parte un po’ scettici e si torna sorpresi.

Budapest è divisa in due parti dal Danubio che, in questo punto, è davvero ampio. Su una sponda c’è Buda, la parte più antica della città, adagiata su una collina e con alcuni dei monumenti più celebri come il Palazzo Reale, la Chiesa di Mattia Corvino e il Bastione dei Pescatori. Dall’altro lato c’è la vivace Pest, sviluppatasi soprattutto a partire dal XIX secolo, che ricorda un po’ la magnificenza di Parigi (a cui spesso viene paragonata) con bellissimi palazzi signorili, viali e piazze alberate e un’altra manciata di monumenti importanti (come la Basilica di Santo Stefano e il Parlamento). A collegare le due sponde ci pensano i bellissimi ponti, particolarmente fotogenici, tra cui spicca il Ponte delle Catene.

La capitale ungherese è perfetta per un weekend lungo. Per visitarla ci vogliono almeno 3 giorni ma potete anche aggiungerne qualcuno di più dedicandolo alla visita più approfondita dei numerosi musei, per trascorrere un giorno navigando lungo il Danubio alla scoperta di villaggi e cittadine (solo in estate) o anche solamente per visitare il tutto con più calma.

Di cose da vedere a Budapest ce ne sono tantissime ma solo alcune sono davvero imperdibili. Ve le elenco di seguito, più o meno per ordine di importanza:

 

1) BUDA

Questo è il quartiere da cui si è sviluppata la città. La popolazione si trasferì su questa collina per sfuggire agli attacchi dei mongoli e, nei secoli successivi, il primo nucleo venne arricchito con chiese e palazzi diventando una splendida città. Si può raggiungere la sommità del colle tramite i comodi bus o la famosa funicolare. Le principali attrazioni, comodamente visitabili a piedi in circa 3-4 ore, sono:

Palazzo Reale: se state osservando Buda, il vostro sguardo sarà probabilmente catturato dall’esagerata estensione del Palazzo Reale che domina un lato della collina. Rimaneggiato nel corso dei secoli e ricostruito dopo i gravi danneggiamenti della II Guerra Mondiale, l’edificio si presenta esternamente con eleganti linee rinascimentali e barocche. Gli interni sono purtroppo andati perduti ma gli spazi sono stati occupati dal Museo Storico e dal Museo delle Belle Arti.
Se non avete voglia di richiudervi all’interno dei musei, passeggiate lungo i giardini che dal castello scendono verso il Danubio. Sono davvero bellissimi e recentemente sono stati oggetto di importanti interventi di recupero. Senza alcuna fatica e gratuitamente, potrete usufruire di ascensori e scale mobili che vi eviteranno la fatica della risalita.

Chiesa di Mattia Corvino: questo splendido edificio non passa certo inosservato grazie agli splendidi e coloratissimi rivestimenti del tetto. La chiesa, che ha origini molte antiche, è in realtà frutto di importanti interventi di ricostruzione e abbellimento in stile neo-gotico del XIX secolo. Nonostante non sia un amante di questo stile, bisogna ammettere che qui gli architetti, pittori e scultori si sono dati un gran daffare per realizzare qualcosa di davvero molto bello. L’ingresso è a pagamento ed è piuttosto caro (per il campanile è previsto un costo aggiuntivo) ma ritengo ne valga la pena.

Bastione dei Pescatori: che dire? E’ scenograficamente spettacolare! Si tratta dell’abbellimento di questo bastione avvenuto a fine XIX secolo in stile neo gotico (ma ricomprendendo anche altri stili). E’ una struttura molto particolare. Dalle sue finestre e balconate potrete godere di una spettacolare vista sul Danubio e su Pest.

 

2) IL CENTRO DI PEST

Se Buda è la parte più vecchia della città, Pest è quella più “recente” in quanto sviluppatasi nel XIX secolo. Anche qui si trovano molti monumenti e attrazioni ma la sua principale peculiarità sono i bei palazzi, i viali alberati e le boutique. L’atmosfera secondo me ricorda un po’ Parigi.
Veniamo alle principali attrazioni della zona:

Basilica di Santo Stefano: edificata verso la fine del XIX secolo, questo monumentale edificio è sormontato da una grande cupola visibile da tutta la città. L’interno (è richiesta un’offerta) è ricco di affreschi, marmi preziosi ed è grandioso. Ma sono sicuro che anche voi entrerete alla ricerca del braccio mumificato di Santo Stefano, custodito in una teca d’argento!

Erzsebet ter: poco lontano dalla Basilica, nel cuore di Pest (è qui che si incrociano tutte le linee della metro), c’è uno spazio verde con alcuni locali all’aperto. Grandi e piccini (ma soprattutto le coppiette) saranno attratti dalla ruota panoramica che, di giorno o di sera, regala belle vedute sulla città.

Vaci Utca: è la via dei negozi e dello shopping. Oltre a quelli di souvenir e alle solite catene non troverete molto. Ma la via è piena di persone, c’è molto movimento e la zona è ricca di bei palazzi e fontane. E’ davvero piacevole passeggiare da queste parti. All’estremità sud di Vaci Utca non perdetevi il Mercato Coperto Centrale. In un bell’edificio di fine XIX secolo, si trovano centinaia di banchi di frutta e verdura, salumi, dolci e altri prodotti alimentari. Un paradiso per fotografi, curiosi e ovviamente buongustai. Al piano superiore, invece, c’è una vasta gamma di souvenir.

Viale Andrassy: ancora più parigina è la zona che corre lungo questo viale. Patendo a piedi dalla Basilica, si trova su lato opposto rispetto a Vaci Utca. Qui, tra palazzi e alberi, si susseguono boutique di alta moda. Non manca nemmeno il Teatro dell’Opera.

 

3) PARLAMENTO

Nessun edificio di Budapest batte in spettacolarità il Parlamento. E’ bellissimo ed esagerato! Venne costruito a cavallo tra il XIX e il XX secolo in stile neo gotico su ispirazione di quello di Londra. Ma questo è molto più grande e più pretenzioso. Non perdetevi assolutamente le visite guidate che vengono effettuate anche in italiano. Sono molto piacevoli ed interessanti. Inoltre gli interni sono sontuosi e ospitano i gioielli della corona.

Prenotate la visita direttamente dal sito ufficiale del Parlamento in quanto esistono molti altri siti che, per il medesimo servizio, vi faranno pagare il doppio.

 

4) PARCO MUNICIPALE E MUSEO DELLE BELLE ARTI

A nord-est di Pest (sembra un gioco di parole), al termine del viale Andrassy, si trova la monumentale Piazza degli Eroi con il suo alto obelisco, le statue dei grandi dell’Ungheria e un imponente colonnato. Alle sue spalle si estende il bel Parco Municipale con laghetti e piante secolari. Da visitare ci sono il Castello Vajdahunyad, edificato alla fine XIX in occasione dell’Esposizione del Millennio. All’interno è ospitato il Museo dell’Agricoltura. L’esterno vuole mostrare, in un unico edificio, il meglio dell’architettura ungherese. Il risultato è affascinante.

L’altra attrazione all’interno del parco sono i Bagni Szechenyi del 1913, tra le terme più antiche e belle della città. Da fuori l’edificio è molto elegante ma il bello è all’interno dove, tra le piscine di acqua termale (l’acqua sgorga a temperature elevatissime), si può vivere una delle più vere esperienze di Budapest.

Tornati in Piazza degli Eroi, potreste dedicare del tempo al Museo di Belle Arti. Suddiviso in sei grandi sezioni, conserva al suo interno opere di artisti famosi come Giotto, Raffaello, Velázquez, Goya, Rembrandt, Renoir, Monet e Picasso.

 

5) ISOLA MARGHERITA

Un polmone verde al centro della città e del Danubio. Si perché quest’isola lunga 2,5 km è interamente circondata dal fiume. Gli abitanti di Budapest vengono qui per fare sport, passeggiare e giocare con i bambini. Di edifici ce ne sono davvero pochi ed il parco è bellissimo, ricco di fontane, statue ed aiuole fiorite. Data l’estensione dell’isola, vi consiglio di prendere a noleggio delle biciclette, dei risciò o delle golf kart elettriche. Mettete in conto almeno una o due ore.

Lungo il percorso non perdetevi le rovine del monastero in cui visse in clausura Margherita, di origini reali (che diede poi il nome all’isola), il Giardino Giapponese e la grande fontana danzante.

 

6) ESCURSIONE IN BARCA SUL DANUBIO

Immancabile, come in tutte le città fluviali, il giro in battello sul Danubio. Ci sono moltissime compagnie che offrono questo servizio in tutte le lingue (costo circa 15€ euro ma dipende dall’orario e dai servizi offerti durante la navigazione). Le imbarcazioni partono ogni mezz’ora circa da Vigadó tér e, per un’ora, vi mostreranno le bellezze della città. Al tramonto o appena dopo, quando le luci della città si accendono per la notte, Budapest è al massimo del suo splendore.

 

7) MEMENTO PARK

Chiamato anche Parco delle Statue, il Memento Park si trova fuori dal centro città e ospita grandi statue risalenti al periodo comunista. Gli spazi sono piuttosto ristretti e non tenuti al meglio ma il luogo è suggestivo e racconta di un passato non felicissimo per la nazione.

 

8) TERME

Furono gli antichi romani a lanciare la moda delle terme a Budapest e da allora i bagni termali sono la passione degli abitanti della città. L’acqua sgorga dal sottosuolo ad una temperatura tra i 21 e i 78 C° e rifornisce circa un centinaio di bagni termali.

I più famosi sono i bagni Királi, Rudas, Gellért, Rác e Szechenyi.

Concedersi una mezza giornata o qualche ora di relax è un’esperienza decisamente tipica nonché un’occasione per recuperare un po’ di energie dopo giorni intensi di visita della città.
Informativi prima di recarvi alle terme perché in alcune sono previsti orari o spazi differenti per uomini e donne.

 

ALTRE ATTRAZIONI DI BUDAPEST

Inutile dire che, oltre a quelle sopra indicate, Budapest offre molte altre attrazioni. Qualche esempio?
– risalire a piedi la collina che porta alla Cittadella da cui si ammira un superbo panorama sulla città
– visitare i resti archeologici dell’antica Obuda, situata alla periferia della città
– trascorrere una serata tra i tanti ruin pubs, locali abbandonati riconvertiti in locali creativi e club
– fare una passeggiata nel quartiere ebraico, visitare la Grande Sinagoga e scoprire il passato della comunità ebraica in Ungheria

 

COME SI MANGIA A BUDAPEST?

Benissimo. Anche se di certo non è una cucina leggera perché in ogni piatto troverete almeno uno di questi ingredienti: carne, patate, cipolle, spezie e paprika. Dopotutto qui in inverno fa freddo. E il goulash, il piatto tipico per eccellenza, è un ottimo metodo per aiutare il corpo a superare le bassissime temperature.

I piatti sono buoni e il livello della cucina è alto. Per i vegetariani e per quelli che hanno una digestione un po’ più rallentata (come la mia), ci sono piatti alternativi.
I prezzi sono più bassi rispetto ai nostri italiani (ma non di moltissimo) anche se nei ristoranti più turistici potreste pagare addirittura di più.

 

COME SPOSTARSI IN CITTA’

La città è ben servita dai mezzi pubblici. Ci sono tram, bus e anche la metro. Spostarsi quindi è piuttosto semplice (il biglietto singolo costa circa 1.50€). Se non sapete quale mezzo prendere è sufficiente accendere Google Maps, selezionare il punto in cui dovere recarvi e scegliere l’opzione mezzi pubblici. Funziona benissimo.

Alle stazioni della metro troverete delle biglietterie automatiche molto comode mentre, se prendete il bus, potete fare il biglietto anche sul mezzo (con un sovrapprezzo).
Se contate di utilizzare più volte i mezzi pubblici durante l’arco della giornata, valutate uno degli abbonamenti proposti.

 



Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.