MONASTERO DI ASTINO (Bergamo): cosa fare e cosa vedere

Il Monastero di Astino di Bergamo è stato riaperto come spazio polifunzionale. In questo articolo ti spiego cosa fare e cosa vedere.

Dopo secoli di abbandono, da pochi giorni finalmente il Complesso Monumentale di Astino (Bergamo) è stato riaperto al pubblico.

I lavori di recupero e ristrutturazione, iniziati formalmente nel 2007, sono stati portati a termine proprio nel mese di maggio 2015. E la data non è certamente casuale. La spinta finale dei lavori è arrivata proprio dal desiderio di legare il monastero all’Expo di Milano.

_20150518_182316

BREVE STORIA DEL MONASTERO DI ASTINO

Il monastero di Astino, fondato nel 1070 da alcuni monaci vallombrosani, è situato nell’omonima piccola valle situata nel Parco dei Colli, proprio dietro San Vigilio.E’ un luogo tranquillo dove la vite e i boschi dominano il paesaggio.

L’edificio subì alcuni ampliamenti attorno al XV e XVI secolo ma da lì a breve iniziò un periodo di declino che si concluse nel 1797 con la chiusura del monastero e il passaggio dello stesso nelle mani di diversi proprietari che lo lasciarono in balia degli eventi e del degrado dovuto dall’abbandono.

Finalmente, con l’acquisizione del complesso da parte della Fondazione MIA di Bergamo, il monastero è stato recuperato e recentemente riaperto al pubblico.

_20150518_182020

COSA FARE AD ASTINO

La destinazione futura del complesso non è ancora ben definita. Si parla di ospitare una scuola di alta specializzazione universitaria (probabilmente legata al turismo) ma per il momento le figure coinvolte nel progetto ci stanno ancora lavorando.

Ad ogni modo, oggi il monastero di Astino, con l’occasione fornita dall’Expo, è stato riaperto con un’interessante offerta gastronomica destinata ai suoi visitatori.

All’esterno, con una bella vista sulla valle, è stato allestito un locale serale e uno spazio cucina, con poltroncine e divanetti, dove vengono serviti anche pizze e piatti veloci.

Nel piano interrato, dove erano localizzate le cantine, si trova un ristorante dove è possibile degustare birre artigianali e vini. La location è impreziosita da un bel soffitto in pietra e dalle antiche botti in legno.

All’interno del chiostro, che è la location più bella, è stato allestito un altro ristorante. I posti sono pochi e il servizio è un po’ più pretenzioso ma è il mio preferito!

COSA VEDERE AD ASTINO

Prima di tutto merita una visita il complesso monastico che, grazie ai lavori di recupero, è stato portato al suo antico splendore.
Nelle sale del primo piano vengono speso allestite mostre temporanee.

Anche la luminosa Chiesa del Santo Sepolcro, adiacente al complesso, e i suoi affreschi sono stati oggetto di restauro e meritano una visita.

Subito dopo il Monastero di Astino, troverete anche un distaccamento dell’Orto Botanico di Bergamo. E’ la Valle della Biodiversità che ti invito a visitare perchè davvero interessante e ben organizzata.

_20150518_182355

Di occasioni per venire a visitare il complesso munumentale ce ne sono davvero molte. Prima di tutto la bellezza del monastero e la curiosità di riscoprirlo.

a ci sono anche numerosi buoni motivi per ritornare una seconda volta. Oltre agli spazi dedicati al cibo (un aperitivo o una cenetta non sarebbero affatto una brutta idea!), verranno organizzati numerosi eventi culturali, degustazioni di vini, concerti di musica e attività sportive.

Curiosate sul calendario on-line. Non faticherete a trovare qualcosa di interessante anche per voi!

_20150518_181952

INFORMAZIONI UTILI PER LA VISITA

Orari apertura

Spazio dell’Ex Monastero dalle 10 alle 24.
Sale Espositive dalle 10 alle 20.
Ristorazione dalle 11.30 alle 15.30 e dalle 18.30 alle 24.

ATTENZIONE: gli orari possono variare nel tempo. Verificate sul sito ufficiale!

Costi di ingresso

L’ingresso è gratuito.

Trasporti: per il rispetto e la tutela del luogo, il Comune di Bergamo ha emesso un’ordinanza di limitazione del traffico su Via Astino. E’ stato però allestito un parcheggio privato provvisorio in Via Astino (a pagamento).

Dato che i posti sono pochi, è più facile raggiungere il complesso a piedi (lasciando l’auto a Longuelo è necessaria una passeggiata di circa 20 minuti), in bicicletta o utilizzando i mezzi pubblici.

Mezzi pubblici

Per chi si sposta con i mezzi pubblici, la soluzione migliore è prendere l’autobus della linea (compagnia ATB).

 

Ti potrebbero interessare altre escursioni e gite fuori porta a Bergamo o in provincia?
Consulta l’elenco e lasciati ispirare.

_20150518_181903

Share: