vicenza e dintorni cosa vedere in un giorno

VICENZA: cosa vedere in un giorno in città e nei dintorni

Cosa vedere a Vicenza in un giorno? Cosa visitare nei dintorni? Scopriamo, con un semplice itinerario, quali sono le principali attrazioni della città del Palladio.

Vicenza ha un bellissimo centro storico ed un ricchissimo patrimonio culturale. Per quale motivo allora non è così famosa? La sua sfortuna è quella di trovarsi nel Veneto, regione piena di bellissime e famosissime città d’arte. Gli amanti delle gite fuori porta o dei weekend lunghi, infatti, preferiscono solitamente puntare su Venezia, Verona e Padova.

Per fortuna, nel 1994 l’UNESCO ha inserito Vicenza nella lista dei beni Patrimonio dell’Umanità e questo le ha permesso di avere una maggiore visibilità sia in Italia che all’estero.
Buona parte del merito va al celebre architetto Andrea Palladio che, nel Rinascimento, arricchì di opere maestose ed eterne il centro storico della città e le campagne circostanti.

In questo articolo ti proporrò cosa vedere a Vicenza in un giorno, aggiungendo anche qualche attrazione nei dintorni della città.

Ingresso al Teatro Olimpico di Vicenza

Ingresso al Teatro Olimpico di Vicenza

MAPPA DI VICENZA: cosa vedere in città e nei dintorni

Il centro storico della città non è particolarmente esteso ma ci sono numerose cose da vedere a Vicenza. Si tratta prevalentemente di edifici religiosi, palazzi e musei.

Visitare Vicenza ti richiederà circa mezza giornata ma, se deciderai di accedere a tutti i luoghi di interesse della città, potrebbe essere necessaria anche un’intera giornata.
Già che sei in zona, io ti consiglio di non lasciarti sfuggire La Rotonda del Palladio, una bellissima villa situata a pochissima distanza dal centro città (ma ci sono anche altre interessanti cose da vedere nei dintorni di Vicenza).

All’interno di questa mappa ho inserito cosa vedere a Vicenza e dintorni in un giorno.
Seguendo l’itinerario, toccherai tutte le principali attrazioni della città. Te le racconterò poi in dettaglio nel paragrafo successivo.

Cosa vedere a Vicenza: Le due colonne in Piazza dei Signori

Le due colonne in Piazza dei Signori

COSA VEDERE A VICENZA IN UN GIORNO: le principali attrazioni in città

Visitare Vicenza non è affatto difficile. Il centro storico è compatto e, per questo motivo, rappresenta una meta ideale per una gita fuori porta nel Veneto.

Passeggiando lungo il corso principale che, neanche a dirlo, è dedicato proprio a Palladio, si incontrano in breve tempo quasi tutte le cose da vedere a Vicenza in un giorno.
Di seguito ti riporto l’elenco delle principali attrazioni della città nell’ordine in cui le incontrerai nell’itinerario di visita a piedi di Vicenza.

I GIARDINI SALVI E LA LOGGIA VALMARANA: inizio della visita di Vicenza

Direi di iniziare la visita di Vicenza dai Giardini Salvi. Sono facilmente raggiungibili dalla stazione dei treni (a circa 500 metri) per cui mi sembrano un ottimo punto di partenza per il nostro itinerario a piedi alla scoperta di cosa vedere a Vicenza in un giorno.

I giardini sono un’oasi di pace in cui rilassarsi e passeggiare tra fontane e monumenti. L’attrazione principale è però l’elegante Loggia Valmarana, realizzata da una allievo del Palladio verso la fine del XVI secolo.

Loggia Valmarana nei Giardini Salvi di Vicenza

Loggia Valmarana nei Giardini Salvi di Vicenza (photo credits Wikimedia Commons)

PORTA CASTELLO: accesso al centro storico di Vicenza

Uscito dai Giardini Salvi, dirigiti verso Porta Castello perché è proprio attraversandola che accederai al centro storico di Vicenza.
Il nome stesso ricorda che qui, un tempo, sorgeva il Castello Scaligero. Accanto alla porta si trova ancora il Torrione che faceva parte della cinta muraria medievale della città.

Oltre Porta Castello inizia Corso Palladio, la principale arteria della città che sarà il punto di riferimento per la visita di Vicenza.
Passeggiando lungo Corso Palladio rimarrai stupito dalla bellezza dei palazzi che vi si affacciano (alcuni tutelati dall’UNESCO). La nobiltà cittadina, infatti, ostentava la propria ricchezza realizzando proprio qui le proprie splendide dimore.

Il Torrione di Porta Castello nel centro storico di Vicenza

Il Torrione di Porta Castello nel centro storico di Vicenza (photo credits Wikimedia Commons)

LA CATTEDRALE DI SANTA MARIA ANNUNCIATA: il Duomo di Vicenza

Tra le cose da vedere a Vicenza si incontra subito la Cattedrale di Santa Maria Annunciata. Chiamato anche Duomo di Vicenza, l’edificio venne costruito verso la seconda metà del XIII secolo in stile gotico veneziano.

All’interno sono custodite alcune opere di importanti pittori dal Trecento al Seicento ma, se sei un amante del Palladio, ti faccio notare che l’architetto realizzò i seguenti elementi:

  • la cupola della Cattedrale
  • il portale laterale rivolto a nord
  • la Cappella Alberico ed il Sepolcro Da Schio (l’attribuzione non è però certa)

Sotto la Cattedrale, invece, si trova un’area archeologica piuttosto estesa da cui si possono ammirare i vari edifici susseguitisi nel tempo prima della costruzione del Duomo.
Inoltre, nei pressi della Cattedrale si trova anche il Museo Diocesano ed il Criptoportico Romano.

Interno della Cattedrale di Santa Maria Annunciata a Vicenza

Interno della Cattedrale di Santa Maria Annunciata (photo credits Wikimedia Commons)

PIAZZA DEI SIGNORI E LA BASILICA PALLADIANA: cosa vedere a Vicenza in un giorno

Piazza dei Signori sarà la nostra prossima tappa. E’ proprio qui che si trova una delle più belle cose da vedere a Vicenza: la Basilica Palladiana.
Contrariamente a quanto si potrebbe credere, il nome inganna perché non si tratta di un edificio religioso ma di un palazzo civico.

Andrea Palladio, tra il 1549 ed il 1617, si occupò di realizzare le splendide logge che rivestivano il già esistente Palazzo della Ragione.
Il risultato è assolutamente strabiliante: marmi bianchi, archi, colonne ed una bellissima cupola color verde acqua.
E’ possibile salire sulla terrazza panoramica, da cui si può ammirare la città, solo accedendo al bar.

In questa affollatissima e briosa piazza si trovano anche:

  • la sottilissima Torre Bissara (o Torre Civica) che raggiunge gli 82 metri di altezza
  • le due colonne che delimitano Piazza dei Signori con Piazza delle Biade. Sulla sommità si trovano il Leone di Venezia (simbolo del potere temporale) e la statua del Redentore (simbolo del potere spirituale)
  • la Loggia del Capitanato, anch’essa progettata da Palladio
La Basilica Palladiana in Piazza dei Signori a Vicenza: cosa vedere in un giorno

La Basilica Palladiana in Piazza dei Signori a Vicenza (photo credits Pixabay)

PONTE SAN MICHELE: un angolo pittoresco di Vicenza

A poche centinaia di metri da Piazza dei Signori scorre il fiume Retrone, che bagna la città.
Se vuoi scoprire un angolo molto pittoresco di Vicenza, che richiama un po’ la vicina Venezia, ti consiglio di raggiungere il Ponte San Michele.

Costruito all’inizio del XVII secolo, permetteva di raggiungere il “quartiere delle barche” dove un tempo si trovava il porto fluviale di Vicenza.

Ponte San Michele a Vicenza

Ponte San Michele a Vicenza (photo credits Pixabay)

PALAZZO CHIERICATI E LA PINACOTECA CIVICA: cosa visitare a Vicenza

Nel 1550, l’architetto Andrea Palladio lavorò alla realizzazione di Palazzo Chiericati, uno splendido edificio nel centro storico di Vicenza.

Dal XIX secolo, all’interno del palazzo è stata allestita la Pinacoteca Civica (o Museo Civico di Vicenza).
Qui si trovano importanti opere d’arte dal Rinascimento in poi tra cui tele di Veronese, Tiepolo, Van Dyck, Montagna e Memling.

Se hai intenzione di visitare la Pinacoteca, ti consiglio di acquistare una delle seguenti card pensate proprio per chi desidera scoprire cosa vedere a Vicenza in uno o più giorni:

  • Vicenza Card: ingresso gratuito a 10 siti tra chiese, palazzi e musei (prezzo intero 20 €)
  • Card 4 Musei: ingresso gratuito a 4 attrazioni tra le 10 del circuito (prezzo intero 15 €)
Palazzo Chiericati disegnato dal Palladio

Palazzo Chiericati disegnato dal Palladio (photo credits Wikimedia Commons)

TEATRO OLIMPICO: capolavori di Palladio a Vicenza

Molti decidono di visitare Vicenza per un solo motivo: il Teatro Olimpico.
Si tratta dell’ultima opera di Palladio, considerata uno dei suoi capolavori, che però morì poco prima che venisse ultimata.

Una delle principali cose da vedere a Vicenza, questo è il teatro coperto in muratura più antico del mondo.
L’opera, realizzata in legno e stucco, è decorata con 95 statue ed è un omaggio ai teatri dell’antichità. Io ho trovato strabiliante la scenografia del palco che, con un gioco di prospettive pazzesco, riproduce un’ipotetica città di Tebe.

Il singolo biglietto di ingresso costa 11 euro per cui vale la pena di attivare almeno una delle card di cui ti ho parlato poco fa.

Palcoscenico del Teatro Olimpico di Vicenza: cosa vedere

Palcoscenico del Teatro Olimpico di Vicenza

CHIESA DI SANTA CORONA: cose da vedere a Vicenza

La Chiesa o Santuario di Santa Corona, una delle cose da vedere a Vicenza, è un bell’edificio del XIII secolo a cui si accede a pagamento (ingresso compreso nella Vicenza Card o nella Card 4 Musei).
Ti suggerisco di visitarlo perché all’interno sono custodite alcune importanti opere d’arte tra cui figurano nomi come Bellini, Veronese e Montagna.

Ma il nostro buon Andrea Palladio ha messo anche qui lo zampino: la Cappella Valmarana è infatti opera sua.
E’ curioso ricordare che, fino all’Ottocento, le sue spoglie riposavano proprio in questa chiesa.

Santuario Santa Corona: l'opera di Bellini

Santuario di Santa Corona: l’opera di Bellini (photo credits Wikimedia Commons)

IL MUSEO NATURALISTICO E ARCHEOLOGICO: cosa fare a Vicenza

Poco oltre la Chiesa di Santa Corona si trova l’interessante Museo Naturalistico e Archeologico di Vicenza che è stato realizzato proprio nei due chiostri del monastero domenicano.
Tra le numerose sezioni si possono ammirare reperti archeologici rinvenuti a Vicenza e dintorni che vanno dalla preistoria all’epoca dei Longobardi.

La sezione naturalistica, invece, permette di farsi un’idea del territorio vicentino e della fauna e flora locale.

Cosa vedere nel Museo Naturalistico e Archeologico di Vicenza

Cosa vedere nel Museo Naturalistico e Archeologico di Vicenza (photo credits Wikimedia Commons)

GALLERIE D’ITALIA DI PALAZZO LEONI MONTANARI: turismo a Vicenza

Palazzo Leoni Montanari, una splendida dimora del XVII secolo dalle sfavillanti decorazioni barocche, ospita al suo interno la collezione di opere d’arte di Intesa Sanpaolo.
Già il palazzo di per sé è una meraviglia.

In alcune sale è ospitata una collezione di ceramiche antiche, in altre delle preziose icone russe e, in una sezione, dei dipinti del Settecento (tra cui Canaletto e Guardi).

Un'opera della collezione di Gallerie d'Italia

Un’opera della collezione di Gallerie d’Italia (photo credits Wikimedia Commons)

PALLADIO MUSEUM: musei da vedere a Vicenza

Non sei ancora stanco di ammirare le opere del Palladio? Bene! Ti consiglio di farti un quadro più completo sull’architetto visitando il Palladio Museum.

Si tratta di uno spazio multimediale ed interattivo che, coinvolgendo il visitatore di tutte le età, racconta i punti chiave dell’opera di Palladio e il ruolo che ebbe nell’architettura del XVI secolo.
Palazzo Barbaran Da Porto, che ospita il museo, è esso stesso una meraviglia.

Una sala del Palladium Museum

Una sala del Palladium Museum

TEMPIO DI SAN LORENZO: chiese da vedere a Vicenza

Tra gli edifici religiosi di Vicenza merita di essere citato anche il Tempio di San Lorenzo. Divenuta sia caserma che ospedale nell’Ottocento, questa chiesa risale al 1280 ed è un mix tra stile romanico e gotico.

All’interno si possono ammirare delle opere d’arte che vanno dal XIV al XVII secolo.
Da non perdere il bellissimo chiostro rinascimentale del complesso.

Interno del Tempio di San Lorenzo: vicenza turismo

Interno del Tempio di San Lorenzo

COSA VEDERE NEI DINTORNI DI VICENZA: tre proposte

Senza allontanarsi troppo dalla città, ti propongo tre cose da vedere nei dintorni di Vicenza: la Rotonda del Palladio, la Villa Valmarana ai Nani ed il Parco Querini.
In una giornata, dovresti riuscire a visitare almeno una delle tre attrazioni oltre che il centro storico della città.

LA ROTONDA DEL PALLADIO: il suo capolavoro

Nei dintorni di Vicenza, poco lontano dal centro, si trova una delle più famose ville di Andrea Palladio: Villa Almerico Capra, passata alla storia come La Rotonda.

L’edificio, dichiarato Patrimonio dell’UNESCO, fu realizzato da Palladio attorno alla metà del XVI secolo ma fu ultimato dallo Scamozzi, suo allievo.
La villa è quadrata ma il corpo centrale è appunto tondo e si ispira al Phanteon di Roma. Da subito colpisce per la sua eleganza, l’armonia e la semplicità.

Le stanze interne, pur essendo prevalentemente spoglie, presentano dei bellissimi affreschi e stucchi che quasi contrastano con la sobrietà dell’esterno.

Cosa vedere a Vicenza e dintorni: La Rotonda del Palladio

Cosa vedere a Vicenza e dintorni: La Rotonda del Palladio

VILLA VALMARANA AI NANI: leggenda e splendore vicentino

Il curioso nome di Villa Valmarana ai Nani è dovuto alla presenza di ben 17 sculture che raffigurano appunto dei nani in vestiti del Settecento. Li si vede ancora oggi osservare i visitatori dal muro di cinta del giardino.

Il motivo di queste sculture? Secondo la leggenda, in nani furono i servitori della figlia del proprietario, anch’essa affetta da nanismo. Quando lei si tolse la vita dopo aver scoperto del suo stato, fino ad allora tenutole nascosto, i suo servitori divennero di pietra per il dolore.

Oltre a questa curiosità, la villa ed i vari edifici del complesso sono davvero molto belli. Pensa che per affrescare le sale del palazzo venne chiamato nientepopodimeno che Giambattista Tiepolo!

Villa Valmarana ai Nani nei dintorni di Vicenza

Villa Valmarana ai Nani nei dintorni di Vicenza (photo credits Wikimedia Commons)

IL PARCO QUERINI: cosa vedere nei dintorni di Vicenza

A circa 10 minuti a piedi dal Teatro Olimpico si trova un bellissimo parco in cui rilassarsi e passeggiare: Parco Querini.
Il perimetro del giardino è in parte delimitato dal fiume Bacchiglione, da un suo affluente e dalle mura veneziane.

All’interno vale la pena di raggiungere il tempietto neoclassico con il laghetto, il viale alberato ed il boschetto. L’ingresso è gratuito.

Parco Querini con il suo tempietto neoclassico

Parco Querini con il suo tempietto neoclassico (photo credits Pixabay)

DOVE DORMIRE A VICENZA: hotel nel centro storico

Preferisci trascorrere una notte a Vicenza per esplorare meglio la città ed i dintorni? Ottima idea!
Ecco alcune belle strutture situate nel centro storico:

  • Palazzo Scamozzi: le belle camere moderne di questa struttura sono realizzate all’interno di un palazzo storico. E’ un posto perfetto in cui riposarsi dopo essere andato alla scoperta di cosa vedere a Vicenza
  • Antico Hotel Vicenza: hotel di 4 stelle situato praticamente in Piazza dei Signori. Le camere sono un mix tra antico e moderno, perfetto per chi ama le atmosfere di un tempo senza rinunciare ai comfort
  • Relais Santa Corona: situato accanto al Museo Naturalistico e Archeologico, questo hotel presenta camere confortevoli con un bagno recentemente rinnovato
Dove dormire a Vicenza nel centro storico

Dove dormire a Vicenza: Palazzo Scamozzi (photo credits Booking.com)

ALTRE COSE DA VEDERE NEI DINTORNI DI VICENZA

»» Hai mai pensato di visitare le Ville Palladiane di Vicenza in e-bike? Scopri di più su questa divertente e semplice visita guidata (clicca sul link)!

Il Veneto è una regione ricca di città d’arte e borghi tutti da scoprire. Ecco altre cose da vedere oltre a Vicenza:

Piazza dei Signori a Vicenza: cosa vedere in un giorno

Piazza dei Signori a Vicenza: cosa vedere

Share: