RIVIERA DEL CONERO: cosa vedere tra mare, spiagge ed escursioni

Sei mai stato sulla Riviera del Conero? Cosa vedere in queste zone? Bisogna dire, prima di tutto, che qui il mare è bellissimo. In questo articolo ti spiego dove andare, quali sono le spiagge più belle e quali escursioni fare.

Chi potrebbe immaginare che, terminate le lunghe spiagge sabbiose ed affollate della Riviera Romagnola, si trovi un luogo ancora in parte selvaggio? Nella Riviera del Conero (si legge Cònero) il mare e la montagna entrano in relazione perfetta per creare spettacolari paesaggi marini.




RIVIERA DEL CONERO: dove si trova

Prima di tutto è utile iniziare precisando che la Riviera del Conero si trova a sud di Ancona.

E’ difficile da credere ma, poco oltre la costa romagnola, ci si imbatte in un tratto di mare davvero bellissimo. Non a caso la Riviera del Conero è una delle località turistiche per eccellenza delle Marche.

sirolo_conero_tusoperator

CONERO PER FAMIGLIE E NON SOLO

Il paesaggio lungo la costa è sovrastato dall’inconfondibile profilo del monte Conero, un promontorio roccioso e ricoperto di vegetazione rigogliosa, che si tuffa improvvisamente nell’Adriatico dando vita a decine di spiagge immerse tra la roccia e i boschi.

Proprio queste spiagge bianche e sassose, su cui si infrangono le onde di un mare trasparente e dai bellissimi colori, sono la meta di numerosissimi turisti che, da cinquanta anni a questa parte, hanno iniziato ad eleggere questa zona come destinazione per le proprie vacanze estive.

Tutta la Riviera del Conero è frequentata in prevalenza da famiglie con bambini. La zona è tranquilla senza grandi discoteche e locali per la vita notturna. Queste località sono luoghi tranquilli destinati in prevalenza a chi preferisce godersi le vacanze in santa pace e con la propria famiglia.

Ma il Conero è perfetto anche per chi ama andare alla ricerca di spiagge più selvagge ed isolate e che per chi ama il trekking lungo i sentieri con vista mare.

spiaggia marcelli_conero_tusoperator

COME SONO LE SPIAGGE SULLA RIVIERA DEL CONERO: sabbia e sassi

Le acque blu dell’Adriatico ottengono qui colori davvero spettacolari e questo è dovuto sia alla presenza di una natura incontaminata che di spiagge prevalentemente sassose.
Scordatevi quindi il piacere (che per qualcuno è un fastidio) di camminare sulla sabbia e il divertimento di grandi e piccini nel costruire castelli in riva al mare.

Sulle spiagge del Conero, tranne in rarissimi casi, i ciottoli fanno da padroni assoluti. Possono essere grandi o piccoli. Spesso i sassi della Riviera del Conero hanno un colore bianco e questo rende molto bello il colore dell’acqua.

Tra le spiagge di sabbia della Riviera del Conero vanno citate:

  • la spiaggia libera e sabbiosa di Mezzavalle
  • la spiaggia di Porto Recanati, attrezzata con stabilimenti balneari

Ricordiamoci che questa zona ha ottenuto da anni il riconoscimento della Bandiera Blu e se lo tiene molto stretto!

marcelli_conero_tusoperator




LE SPIAGGE PIU’ BELLE DELLA RIVIERA DEL CONERO

Le spiagge più belle della Riviera del Conero, da nord a sud, sono:

  • Ancona: il Passetto, Spiaggia del Trave, Mezzavalle, Portonovo, Spiaggia della Vela
  • Sirolo: Spiaggia dei Gabbiani, Spiaggia delle Due Sorelle, Sassi Neri, San Michele, Spiaggia Urbani
  • Numana: Spiaggiola di Numana, Spiaggia dei Frati, Spiaggia di Numana bassa, Marcelli

Tra le spiagge sopra riportate, la più famosa è sicuramente quella delle Due Sorelle che prende il nome dai due faraglioni che emergono dal mare.
Questa spiaggia è raggiungibile unicamente via acqua (è previsto un servizio di traghetti giornaliero).

Molto belle sono anche la spiaggia della Vela e quella di Portonovo.

Le spiagge da Numana, proseguendo verso sud, diventano via via più lunghe e, pur essendo sempre di sassi e ghiaia, sono anche più frequentate. E’ proprio qui che si affacciano la maggior parte degli hotel, residence e campeggi realizzati in prossimità del mare. L’acqua rimane sempre molto bella ma la presenza di stabilimenti balneari si fa più massiccia.

portonovo_conero_tusoperator
RIVIERA DEL CONERO: cosa vedere e quali escursioni fare

Il Conero non è solo mare. Millenni di storia hanno lasciato importanti tracce dello splendore passato ed è facile imbattersi in scavi archeologici, antiche chiese romaniche e strette vie medievali.

Oltre ai piacevoli borghi arroccati sulle pendici del monte, addentrandosi anche di poco verso l’entroterra, si trovano alcuni pilastri del turismo marchigiano: Recanati, il santuario di Loreto e le grotte di Frasassi.

Se non amate trascorrere tutta la giornata ad abbrustolirvi sulla sdraio o se le nuvole minacciano di rovinare la vostra vacanza, questa zona è pronta con una vasta gamma di proposte che non vi darà modo di annoiarvi.

_20150826_084452
Ce n’è davvero per tutti i gusti e non si tratta di gite impegnative perché richiedono giusto un paio d’ore ciascuna. Vediamo le escursioni partendo dai tipici borghi del monte Conero e arrivando poi alle attrazioni situate nell’entroterra:

 

Sirolo

Sirolo è un borgo medievale situato a picco sul mare che regala splendide vedute dalla terrazza centrale. E’ una piacevolissima meta per una cenetta perché la sera si fa animata grazie ai numerosi eventi organizzati, alle bancarelle e ai negozi aperti.

Numana

Oltre alle numerose e frequentate spiagge, Numana ospita ogni sera numerosi turisti che giungono fin qui per una piacevole passeggiata.

Il punto panoramico nei pressi dell’Arco della Torre, ciò che resta di una torre parrochiale medievale, è davvero superbo mentre, nella parte più bassa, troverete una lunga fila di bancarelle perfette per una passeggiata serale

numana_conero_tusoperator

Porto Recanati

Sempre lungo la costa, Porto Recanati con il suo castello medievale e con il suo lunghissimo e vivace lungomare diventa una piacevole proposta per sgranghire le gambe dopo una giornata trascorsa ad oziare in riva al mare.

Recanati

Spostandosi ora nell’entroterra, Recanati rientra sicuramente tra le mete più ambite. Paese natio del poeta Giacomo Leopardi, è legato ai tanti luoghi che lo ricordano:

  • Palazzo Leopardi con l’annessa biblioteca
  • il Colle dell’Infinito
  • i resti dell’antica Torre di Sant’Agostino che ha ispirato il Passero Solitario

Tra stralci di poesie contornate da gerani, lungo le vie del borgo è facile imbattersi in scorci incantevoli e nelle mura cittadine risalenti al 1200.

_20150826_112305

Loreto

Il santuario di Loreto, collocato su di un’altura e visibile sin da lontano, è uno dei maggiori luoghi di pellegrinaggio della cristianità in quanto al suo interno è custodita la casa di Nazareth in cui nacque e visse la Madonna.

L’edificio e la piazza antistante sono delle opere grandiose a cui ha lavorato anche il Bramante.

_20150827_081140

Osimo

Osimo è un paese così carico di storia da risalire ai tempi dei piceni, i suoi fondatori. Nel suo ampio centro storico si susseguono tracce di un ninfeo romano, le antiche mura risalenti a II secolo a.C., lo splendido duomo gotico e alcuni begli edifici rinascimenali della piazza centrale.

L’attrazione principale però è costituita dall’interessante sistema di grotte presenti nel sottosuolo e visitabili tramite un tour organizzato.

_20150826_084518

Offagna

Offagna è famosa per la sua rocca medievale trasformata in museo.

Portonovo

A Portonovo, oltre ai punti panoramici, scendendo verso il mare si può visitare la Chiesa di Santa Maria, gioiello del romanico, risalente all’XI secolo.

Ancona

Il capoluogo di questa zona è una città vivace nella quale troverete molte le cose da vedere:

  • il Duomo di S. Ciriaco
  • la Rocca della Cittadella del XVI secolo
  • il Bastione di S. Paolo al Cassero
  • Parco del Cardeto
  • l’anfiteatro
  • Piazza del Plebiscito
  • il Museo Archeologico
  • Pinacoteca civica con opere di Guercino, Lotto e Tiziano

mezzavalle_conero_tusoperator

Share: