VISITA A HERRENCHIEMSEE IN BAVIERA: la Versailles di re Ludwing II

La visita a Herrenchiemsee in Baviera ti lascerà stupito. Re Ludwing II fece costruire questo palazzo, copia della reggia di Versailles, in mezzo al lago.

Ludwing II era un sognatore. Uno di quei re un po’ stravaganti, amati dal popolo, che guardano il mondo con occhi diversi e distanti. Per lui le guerre e il potere avevano un significato relativo.

Ciò che realmente amava era realizzare splendide dimore, in stili decisamente fuori dal tempo in cui viveva, e nelle quali potersi ritirare.

herrenchiemsee e giardini

BREVE STORIA DI HERRENCHIEMSEE 

Siamo in Baviera, nel sud della Germania, ed è il 1878. L’uomo, in questo periodo storico, guarda al XX secolo propendendo verso la tecnologia e l’incredibile sviluppo registrato nelle arti e nelle scienze.

Ludwing II, invece, durante il 1878 decidesse di costruire una splendida dimora ad immagine e somiglianza della reggia di Versailles (Parigi), una specie di tributo alla potenza e alla gloria del Re Sole che lui tanto ammirava.

Uno sguardo all’indietro ma non senza i confort che le nuove scoperte potevano permettere.

 

VISITA A HERRENCHIEMSEE IN BAVIERA

Il castello di Herrenchiemsee è collocato sulla piccola isola Herreninsel del lago Chiemsee, un luogo magico e sereno in cui le tranquille acque del lago riflettono i lunghi fusti delle canne che crescono lungo le rive, i profili dei monti e le sagome di qualche casa sparsa qua e là.

In una bella giornata di sole è davvero piacevole prendere il battello che da Prien, in circa 20 minuti, permette di raggiungere l’isola. Da qui si può raggiungere subito:

  • il Monastero Agostiniano (si possono visitare alcuni spazi dell’antica abbazia ed eventuali mostre temporanee qui allestite)
  • il museo dedicato a re Ludwing (dove sono esposte fotografie, dipinti, lettere e oggetti personali del sovrano)

In alternativa si può proseguire lungo i diversi sentieri e percorsi, principalmente in terra battuta o ghiaia, che permettono di raggiungere il palazzo.

Verdi pascoli e boschi rigogliosi nascondo in un primo momento lo splendido e curato giardino che si estende dinnanzi al castello. Vialetti, aiuole fiorite, siepi decorative, fontane e statue fanno da perfetta cornice alla sontuosa e imponente facciata che ricalca perfettamente quella della reggia di Versailles.

Rispetto all’originale, però, l’edificio si limita al corpo centrale in quanto, a causa della morte prematura del sovrano, esso rimase incompiuto (i corpi laterali non vennero mai realizzati).

Durante il periodo invernale tutte le fontane vengono spente, svuotate e coperte da imponenti strutture di vetro e plastica che attenuano un po’ lo splendido colpo l’occhio del giardino.

monastero agostiniano herreninsel

VISITA GUIDATA A HERRENCHIEMSEE

La visita guidata permette di scoprire i meravigliosi e sontuosi interni del palazzo, realizzati da abili ed esperte maestranze con una maniacale attenzione al dettaglio e all’elevata qualità dei materiali utilizzati. Inutile dire che le spese furono tanto elevate che, con la costruzione di questo e degli altri palazzi, re Ludwing prosciugò le casse del regno.

Tramite l’imponente scalone d’onore si accede alle sale di rappresentanza, alla camera da letto, alla sala da pranzo (con il curioso “tavolo che si apparecchia da sé”) e ad altri numerosi ambienti tutti riccamente decorati con preziose tele, delicati intarsi in legno, luccicanti cristalli appesi ai lampadari, ceramiche pregiate, mobili eleganti, grandi specchi, marmi costosi, stucchi ed affreschi.

L’arredamento dei vari ambienti ricalca gli stili e le mode di tempi ormai passati da secoli ma presenta un curioso connubio con le tecnologie di fine XIX secolo che permettevano al sovrano uno stile di vita più confortevole.

La perla del palazzo è di certo la lunghissima e stupefacente Galleria degli Specchi, copiata da quella di Versailles ma più lunga di 15 metri rispetto all’originale (ben 98 metri!) e, secondo alcuni esperti d’arte, ancora più ricca e scintillante. Il tripudio di cristalli, specchi e luci che entra dalle numerose finestre lascia di certo a bocca aperta.

All’interno del palazzo si può trovare una discreta zona ristoro dove pranzare (self service) o fare uno spuntino prima o dopo la visita.

Durante la bella stagione, l’escursione sarà di certo più ricca e completa in quanto sarà possibile concedersi passeggiate più lunghe all’interno del parco. Anche durante i mesi invernali, con molti meno turisti che affollano questo luogo tranquillo, l’isola ha comunque un fascino tutto particolare.
Se disponete di tutta la giornata vi consiglio di visitare anche il monastero femminile che si trova su un’altra isola, vicina a quella del castello, raggiungibile sempre in battello.

herrenchiemsee facciata palazzo

INFORMAZIONI UTILI PER LA VISITA A HERRENCHIEMSEE

Orari di apertura

Il castello è aperto dal lunedì alla domenica; dal mese di aprile a fine ottobre dalle 9 alle 18 (ultima visita guidata alle 17) mentre dalla fine di ottobre a marzo dalle 9.40 alle 16.45 (ultima visita alle 15.40 circa).

Chiusura nei giorni 01 gennaio, martedì grasso e 24-25-31 dicembre. Per quanto riguarda, invece, l’accesso all’isola e al parco (libero e gratuito), gli orari dipendono dal servizio offerto dal battello.

Informazioni sulle visite guidate a Herrenchiemsee

Per l’acquisto del biglietto e per ogni informazione recatevi presso le casse che si trovano subito dopo il pontile di attracco sull’isola Herreninsel. I tour, obbligatori per la visita degli interni, partono regolarmente e vi verrà assegnata la prima visita disponibile.

Le visite in tedesco partono continuamente mentre quelle in inglese si tengono ogni ora (durante i mesi estivi due volte all’ora). Se siete fortunati potrebbe capitarvi anche in italiano (in caso contrario viene comunque rilasciato del materiale in italiano non appena parte la visita).

chiemsee
Costi in ingresso per la visita a Herrenchiemsee

Il biglietto ha un costo di 8 euro e comprende la visita al palazzo, il museo dedicato a Re Ludwing ed eventuali mostre allestite presso il Monastero Agostiniano.

Come raggiungere il castello

Per visitare il castello è necessario raggiungere l’isola Herreninsel, nel Chiemsee, tramite un battello. Il luogo più comodo e rapido per salpare è certamente Prien (il molo è facilmente identificabile dalla strada che costeggia il lago), da cui un battello parte ogni 30 minuti circa (nei mesi invernali uno ogni ora).

Il servizio è indicativamente attivo dalle 10 (ne partono anche prima ma con meno regolarità) alle 18.30. Nei pressi del molo è disponibile anche un grande parcheggio gratuito. Il biglietto della navigazione (7,20 euro andata e ritorno) si acquista direttamente sul battello.

Precisate che volete arrivare solamente fino al castello perché, ad un prezzo maggiore, è possibile proseguire e raggiungere altre isole. Per maggiori informazioni sulla compagnia di navigazione Chiemsee Schifffahrt visitate il sito internet www.chiemsee-schifffahrt.de (unicamente in tedesco).

Mappa Herrenchiemsee
Come organizzare la visita a Herrenchiemsee

Se avete poco tempo a disposizione o se venite a visitare il castello durante i mesi invernali in cui gli orari sono più ristretti e il sole cala presto, è sempre meglio organizzare la vostra gita per benino.

Ecco alcune tempistiche che potrebbero esservi utili:

  • viaggio in battello da Prien fino a Herreninsel 20 minuti
  • passeggiata a piedi nel parco/bosco necessaria per raggiungere il palazzo 15-20 minuti
  • tour guidato al palazzo 35 minuti
  • visita libera al museo di Ludwing II 30-45 minuti
  • mostre allestite nel Monastero Agostiniano 60-90 minuti

ATTENZIONE: le informazioni possono variare nel tempo. Prima di partire visita il sito internet ufficiale del castello www.herrenchiemsee.de (la versione italiana è piuttosto limitata ma in inglese e tedesco è molto ricca e curata) e il sito www.tuttobaviera.it (informazioni in italiano)

Se stai organizzando un tour della zona, ti consiglio di dare un’occhiata al mio tour Salisburgo & Co e al tour Baviera e Foresta Nera.
Nei dintorni puoi visitare Salisburgo e le miniere di sale di Hallein.

herrenchiemsee

Share: