Visita alla COLLINA DELLE CROCI in Lituania: cosa vedere

Pochi luoghi sanno essere suggestivi ed unici come la Collina delle Croci di Siauliai, nella Lituania centrale. Mistica, folcloristica, inquietante e toccante questa piccola collina è il simbolo per eccellenza della fede del popolo lituano.

Prima di mettere piede alla Collina delle Croci ci si chiede come possano esserci 400.000 croci in uno spazio così circoscritto. Per capirlo, che siate spinti dalla fede o dalla curiosità, bisogna proprio venire su questa collina.

 

COSA VEDERE ALLA COLLINA DELLE CROCI

Di croci ce ne sono di ogni tipo. Vanno da quelle più piccole, in plastica, acquistate a pochi spiccioli presso le bancarelle di souvenir a quelle in metallo e in legno che svettano tra le altre sia per le dimensioni (arrivano anche a 5 metri di altezza) e sia per la qualità e la bellezza della lavorazione eseguita minuziosamente dagli artigiani locali.

COLLINA DELLE CROCI LITUANIA

Le croci sono ammassate una sulle altre, si intrecciano tra di loro, alcune sono il parassita di quelle più grandi, altre sono crollate trascinandone e schiacciandone a centinaia, alcune formano mucchi indistinti, qualcuna le si vede sventolare sospinta dal vento e produrre suoni tintinnanti quando va a cozzare contro le croci metalliche dalle quali pende.

La bellezza e la magia della Collina delle Croci sta proprio nella pace e nel silenzio che si respirano. Arrivate qui la mattina presto o in una fredda giornata invernale e, passeggiando lungo i sentieri che pian piano vengono oscurati da nuove croci, sentirete la disperazione, la speranza, la fede e la preghiera di migliaia di persone. Sono così palpabili che non è necessario un grande sforzo per immaginarle.

 

LE ORIGINI DELLA TRADIZIONE

Le prime croci comparvero sulla collina nel XIV secolo ma andarono a moltiplicarsi solamente nell’800, in seguito alle sanguinose insurrezioni contro lo zar.

Il numero continuò a crescere e, nonostante durante il periodo di dominazione sovietica la collina venne rasa al suolo per ben due/tre volte per opera dei bulldozzer (era considerato reato innalzare una croce), il giorno successivo già ne comparivano di nuove.

COLLINA DELLE CROCI LITUANIA VILNIUS

 

LA VISITA GIOVANNI PAOLO II

Il momento di maggiore celebrità per questo luogo arrivò finalmente nel 1993 quando papa Giovanni Paolo II, visitando la collina e celebrandovi una messa, lo sponsorizzò finalmente al mondo intero.

Nonostante questo, il flusso turistico e il business creato sono modesti (vi sono giusto un paio di bancarelle e un negozio di souvenir) e, fortunatamente, non vanno a deturpare la misticità di questo luogo.

COLLINA DELLE CROCI LITUANIA COSA VEDERE

INFORMAZIONI UTILI

Orari di apetura

Non sono previsti orari di apertura in quanto si può accedere liberamente alla collina. L’Uffico Informazioni, che principalmente fa da negozio di souvenir, è aperto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 18 mentre sabato e domenica dalle 10 alle 17.

Costo di ingresso

L’accesso alla collina è gratuito. E’ previsto il solo pagamento del parcheggio (0,90 euro ad auto).

Parcheggio

L’unica possibilità di parcheggiare l’auto è quella di posteggiarla nel parking di accesso alla collina, dove si trova anche l’ufficio informazioni. Il costo è di 0,90/0,60/2,90 euro rispettivamente per auto/moto e biciclette/camper.

collina croci lituania tusoperator

Come arrivare

La collina dista circa 12 km da Siauliai, 285 km da Vilnius (3 ore di auto) e 125 km da Riga (1.45 ore). Se utilizzerete mezzi pubblici, sul sito ufficiale della Collina delle Croci troverete indicazioni ed orari.

Come è strutturata la visita

Parcheggiata l’auto, si incontrano subito delle bancarelle di souvenir (dove è possibile aquistare le croci a prezzi molto contenuti), il visitor center e i servizi igienici (a pagamento). Da qui, una stradina pedonale conduce fino alla collina (circa 300 metri). Si possono poi percorrere tutti i sentieri che attraversano le croci.

Durata della visita

Per la visita calcolate almeno 1 ora.

 

Stai organizzando un viaggio in Lituania?
Potrebbero esserti utili anche questi miei articoli:

  1. Diario di viaggio in Lituania
  2. Vilnius: cosa vedere
  3. Castello di Trakai
  4. Museo etnografico di Rumsiskies

 

2015-12-07 10.47

2015-12-07 10.39

Share: