La splendida e leggendaria città di Petra, in Giordania, presenta anche una versione più minuta e modesta, ma non per questo meno affascinante. Piccola Petra, conosciuta anche come Petra la Bianca (Beida) o Siq al-Barid, è un luogo magico e tranquillo in cui le orde di turisti arrivano solo di rado.

A differenza di Petra, nella quale i nabatei vivevano e seppellivano i propri morti, questo luogo fu progettato per ospitare le carovane provenienti dall’Arabia e dall’Oriente, di passaggio verso la Siria o l’Egitto.

I nabatei scavarono inizialmente delle semplici grotte nell’arenaria destinate ai viaggiatori che qui potevano sostare dopo la traversata del deserto del Wadi Rum. Col tempo, esse divennero sempre più grandi ed elaborate, andando a rivaleggiare in bellezza con gli edifici di Petra.

In questo post ti parlo di:

  1. Come visitare Piccola Petra
  2. Qualche consiglio
  3. Informazioni utili per visitare Piccola Petra

 

COME VISITARE PICCOLA PETRA

Superate le bancarelle dei venditori di cibo e di souvenir, tutta l’area archeologica è collocata all’interno di uno stretto Siq che, in alcuni punti, si stringe fino a far passare a malapena un uomo.

I passi procedono silenziosi sulla sabbia fine e conducono a diverse grotte adibite ad abitazioni, scavate nella pietra, con portali di ingresso più o meno elaborati.

Quasi tutte le abitazioni erano composte da un’unica grande stanza con uno spazio al centro per accendere il fuoco e con dei lunghi blocchi di pietra sui quali venivano sistemati i materassi. Esse furono in seguito utilizzate anche dai beduini per sostarvi con i propri greggi di capre e pecore e, con la fuliggine dei loro focolari, andarono ad annerire l’arenaria bianca e oscurare gli affreschi che decoravano alcune delle stanze.

L’edificio più bello ed imponente è di certo la Casa Dipinta che spicca fiera al centro del canyon, ben conscia di non avere rivali ed eguali in tutta Piccola Petra. E’ possibile arrampicarsi lungo i gradini che conducono alla sala superiore, toccare con mano la pietra scavata sapientemente dai nabatei e scoprire alcune tracce di affresco sopravvissute al passare dei secoli (le uniche rinvenute in tutta la zona).

Ad un certo punto il Siq si restringe improvvisamente e, all’interno di questo stretto passaggio, parte una scalinata che sembra finire tra le nuvole. E’ un luogo misterioso e una scritta eseguita a mano su un pezzo di cartone promette il panorama più bello al mondo.

Come si può resistere alla tentazione di avventurarsi lassù? La salita a volte è piuttosto difficoltosa ma poi torna ad essere un tranquillo sentiero. Qui una venditrice offre del té caldo ai vistatori stanchi e, subito dopo, si apre una terrazza naturale che offre una bella vista sulle conformazioni rocciose circostanti.

Ok, il panorama non è nulla di speciale, ma il percorso per arrivarci è davvero bello e avventuroso! Per chi volesse, il sentiero prosegue per diversi chilometri fino a raggiungere il Monastero di Petra. In questo luogo ci si sente un po’ come Johann Ludwig Burckhardt, colui che “riscoprì” questi luoghi (insieme a Petra) nel 1812, e si percepisce un po’ dell’emozione provata la prima volta del giovane avventuriero.

 

QUALCHE CONSIGLIO

Consiglio vivamente di venire a visitare Piccola Petra, molto spesso esclusa dal turismo di massa che, per rispettare le tempistiche del programma, si concentra unicamente (e giustamente) sulla ben più famosa Petra. Venite però ad esplorarla prima di dirigervi a Petra altrimenti la poveretta non reggerebbe il confronto e potreste rimanerne delusi.

Vi chiederete allora perché visitarla. Beh, credo che valga comunque la pena di trascorrere a Piccola Petra un’oretta del vostro tempo perché l’aria tranquilla, mistica e raccolta che qui si respira è difficile da avvertire a Petra.

 

INFORMAZIONI UTILI PER LA VISITA DI PICCOLA PETRA

Orari di apertura

Il sito è aperto ogni giorno dall’alba al tramonto. All’ingresso del Siq vi è un cancello che, probabilmente, viene chiuso durante le ore notturne

Costo di ingresso

L’ingresso e la visita di Piccola Petra sono completamente gratuiti

Come è strutturata la visita

Potrete muovervi liberamente per il sito e, a differenza di Petra, avventurarvi ovunque e arrampicarvi lungo scale e sentieri percorsi secoli fa dai nabatei.

Tempo di visita

Per la visita di Piccola Petra, 1-1.30 ore sono sufficienti per visitarla con calma e per raggiungere il punto panoramico.

Come arrivare e parcheggio

Piccola Petra è facilmente raggiungibile in circa 10-15 minuti di auto da Wadi Musa. Il percorso non è perfettamente segnalato ma, prima del sito, si incontrano alcuni cartelli lungo la strada principale. Prima del Siq e delle bancarelle di venditori si trova un ampio parcheggio gratuito.

Con il tempo le informazioni possono cambiare. Verifica prima della tua partenza!

 

STAI ORGANIZZANDO IL TOUR DELLA GIORDANIA?

Ho preparato una scheda anche per ciascuna delle seguenti principali attrazioni della Giordania:

JERASH
CASTELLO DI AJLOUN
MONTE NEBO
MADABA
CASTELLO DI KARAK
AQABA
WADI RUM
PETRA
MAR MORTO
WADI MUJIB

Ti racconto tutta l’avventura, le emozioni e gli imprevisti nel Diario di Viaggio in GiordaniaDiario di Viaggio in Giordania.

Guarda anche al mio programma di viaggio in Giordania: Presentazione tour Giordania… il tour che ci lascerà di petra!

 

Share: