CASTELLO DI TORRECHIARA: cosa vedere, storia, parcheggio e molto altro

Il Castello di Torrechiara è una perfetta destinazione per una gita fuori porta. In questo articolo trovi informazioni su cosa vedere, storia, parcheggio e molto altro.

Il Castello di Torrechiara, nei pressi di Langhirano (PR), è sicuramente uno dei più belli e maestosi della zona.

Nonostante sia li che ci guarda arrivare sulla nostra auto, seguendo la rotta del nostro navigatore finiamo praticamente impantanati in una stradina di campagna finché un bravo contadino non viene a trainarci fuori con il suo trattore. L’imprevisto, dopotutto, ci ha permesso di godere di una bella vista sul castello dalle colline e i vigneti circostanti.

CASTELLO DI TORRECHIARA COSA VEDERE

CASTELLO DI TORRECHIARA COSA VEDERE STORIA PARCHEGGIO

COSA VEDERE AL CASTELLO DI  TORRECHIARA

Ma veniamo al dunque. Il maniero si sviluppa lungo diversi livelli di fortificazione che partono dalla base del colle e risalgono elegantemente fino al mastio (Torre del Leone). L’effetto scenografico giungendo dalla strada è davvero formidabile.

Varcato il primo portono di ingresso, si accede ad un piccolo borgo molto carino con alcune casette in pietra e qualche bottega. Dietro la chiesetta si trova il Centro Visitatori dove è possibile richiedere informazioni, materiale esplicativo e organizzare una visita guidata.

L’ingresso al castello è libero ma vi consiglio di visitarlo affidandovi ad una guida che, a soli 2.50 euro in più rispetto al biglietto di ingresso, vi farà apprezzare in modo sorprendente ciò che andrete ad osservare.

Come fareste, altrimenti, a conoscere la storia d’amore tra il nobile Pier Maria Rossi, che fece costruire il castello nella seconda metà del ‘400, e la sua Bianca Pellegrini? Chi vi indicherà in quali punti furono girate le scene del celebre film “Lady Hawke“?

GLI INTERNI DEL CASTELLO

Il castello è davvero spettacolare con tutte quelle torri merlate, le mura poderose, l’elegante Corte d’Onore, le numerose sale che si sussegguono su più livelli e il bel loggiato.

Le stanze non sono arredate (gli arredi originali vennero purtroppo venduti ad inizio ‘900) ma basta alzare il naso all’insù per scorgere gli splendidi affreschi, in buono stato di conservazione. La maggior parte di essi risale al XVI secolo e, come voleva il gusto dell’epoca, propongono figure fantastiche e grottesche (stile ispirato agli affreschi pompeiani).

Il vero splendore lo si trova però nella Camera d’Oro, la stanza da letto di Pier Maria Rossi e Bianca Pellegrini, affrescata da Benedetto Bembo nel 1452 e ricoperta in parte da splendide formelle in terracotta. Pur essendo sparito l’oro che abbelliva un tempo le pareti, è facile immaginarne la ricchezza di un tempo.

Con il sole che tramonta e che colora con le sue calde tinte le mura del castello, questo luogo da fiaba ha un aspetto ancora più incredibile.
E’ vero che, in un certo senso, i castelli si assomigliano un po’ tutti, specialmente in questa zona. Ma sono tutti davvero molto belli, raccontano storie curiose e presentano caratteristiche e arredi differenti. Quindi andate sul sito dei Castelli del Ducato di Parma e Piacenza e visitateli tutti!

 

INFORMAZIONI UTILI

Orari apertura

Da novembre a febbraio: da martedì a venerdì dalle 9.00 alle 16.30; sabato domenica e festivi dalle 10.00 alle 17.00. Da marzo a ottobre: martedì, domenica e festivi 10.30-19.30; mercoledì, giovedì, venerdì e sabato 8.30-19.30. Chiusura settimanale il lunedì (verificate eventuali variazioni sul sito ufficiale)

Costo ingresso

Il biglietto di ingresso costa 3 euro (+2,50 se si usufruisce della visita guidata) (verificate eventuali variazioni sul sito ufficiale)

Tipologia visita

Visita libera. E’ possibile richiedere una visita guidata all’ufficio turistico (consigliata!)

Durata visita

La visita guidata richiede circa 1 ora mentre quella libera durerà sicuramente meno.

Parcheggio

Ai piedi del colle sul quale si erge il castello si trovano diversi posti auto gratuiti.

Sei alla ricerca di qualche gita fuori porta in Emilia Romagna? Ecco alcune proposte:

Share: