cosa vedere a pavia in un giorno_guida turistica pavia in pdf

COSA VEDERE A PAVIA IN UN GIORNO: la guida turistica di Pavia in pdf

Cosa vedere a Pavia in un giorno? Ecco una guida turistica di Pavia in pdf che ho preparato per visitare la città. Scaricala gratuitamente!

Pavia è famosa per essere una delle più antiche città universitaria d’Italia. La vita sembra scorrere tranquilla in questa piccola cittadina in cui il ritmo è scandito dalle ruote delle biciclette che sfrecciano lungo sul selciato delle vie del centro storico.

Per visitare al meglio questa città, ho preparato una guida turistica di Pavia in pdf che potrai scaricare gratuitamente.
Nella guida scoprirai anche cosa vedere a Pavia in un giorno.


duomo di pavia_cosa vedere

La facciata del Duomo di Pavia

 

COSA VEDERE A PAVIA IN UN GIORNO

Cosa vedere a Pavia in un giorno? La città offre alcuni monumenti da non perdere:

  • il castello, nelle cui scuderie sono ospitate anche mostre
  • il Duomo dalle sobrie linee rinascimentali
  • la ricostruzione dell’antico Ponte Coperto
  • la monumentale piazza della Vittoria
  • diverse chiese sparse qua e là per la città

Se hai poco tempo a disposizione, puoi visitare le principali attrazioni anche in mezza giornata.
Già che sei nei dintorni ti consiglio di andare a vedere anche la splendida Certosa di Pavia che si trova poco distante dalla città.

castello visconteo_pavia_mappa turistica pdf

Castello Visconteo (photo credits Wikimedia Commons)

LA MIA GUIDA TURISTICA DI PAVIA IN PDF DA SCARICARE

Per la visita della città ho preparato una piccola guida turistica di Pavia in pdf.
All’interno della guida sono elencate tutte
le principali cose da vedere a Pavia con la relativa descrizione.

Scarica gratuitamente la guida turistica di Pavia in pdf: Pavia-la-mia-guida-turistica

guida turistica pdf _Pavia_broletto

Il Broletto di Pavia (photo credits Wikimedia Commons)

PAVIA: MAPPA TURISTICA

Nessuna guida sarebbe completa senza una mappa turistica della città. Come faresti ad orientarti ed a cercare le principali cose da vedere a Pavia?

Scarica gratuitamente anche la mappa turistica di Pavia in pdf: Pavia-mappa-della-città

pavia_università_cosa vedere

Un cortile dell’Università

PAVIA: STORIA BREVE DELLA CITTA’

Situata lungo le rive del Ticino, limitata a sud dal Po e dai primi rilievi collinari e ad est dalle risaie della Lomellina, Pavia è città di millenaria tradizione storica e culturale.
Lo sapevi che anticamente era chiamata “Ticinum”?

L’impianto di Pavia risale all’impero romano ma si sviluppò sia sotto i Goti che i Longobardi, divenendo addirittura capitale. Fu in questo periodo che la città si arricchì come lo possono testimoniare ancora oggi le cripte, i testi epigrafici ed i corredi decorativi scultorei.

La splendida fioritura romanica tra l’XI e il XIII secolo la si vede in cattedrali, palazzi e nelle torri in laterizio che hanno reso celebre Pavia.

Durante il periodo in cui i Visconti e gli Sforza furono i signori di Pavia, venne costruito il Castello Visconteo, ora sede dei Musei Civici. Ai tempi fu residenza di diporto dei duchi, che nel retrostante Parco Visconteo esercitavano la caccia e che si recavano poi alla Certosa di Pavia per pregare.

Pavia è sede anche di un antichissimo “studium” universitario, potenziato nel XVIII secolo da Maria Teresa d’Austria. Oggi le facoltà dell’Università di Pavia richiamano studenti da ogni parte d’Europa.

interni del duomo di pavia

Interni del Duomo photo credits Wikimedia Commons)

COSA VEDERE A PAVIA: tutte le attrazioni da non perdere

Di seguito riporto tutte le principali cose da vedere a Pavia. Sono proposte anche nella guida turistica in pdf ma, per comodità, le elenco anche qui in forma più sintetica.


IL CASTELLO VISCONTEO: cosa vedere a Pavia

Il Castello di Pavia venne costruito a partire dal 1360 sotto la guida del grande ingegnere Bernardo da Venezia. Era di forma quadrata, con quattro torri e con un largo fossato che veniva riempito d’acqua proveniente dal naviglio.

Per la costruzione del Castello di Pavia vennero impiegati oltre 500 operai. Per questo motivo, dopo soli 5 anni vi si insediò il Duca.

Notate le finestre, ancora originali, mentre la parte alta dei merli ghibellini è stata rifatta. Anche le torri e il corpo centrale sono stati coperti nei secoli successivi da un tetto per evitare le infiltrazioni d’acqua.

castello_pavia_guida in pdf

Corte del Castello (photo credits Wikimedia Commons)

Alcune curiosità sul Castello di Pavia

Durante i 150 anni in cui il castello fu abitato dai Visconti e dagli Sforza, il Castello di Pavia ospitò i più grandi Signori italiani e stranieri. Venivano fin qui per andare a caccia nel bellissimo parco che si estendeva da qui fino alla Certosa.

Nel 1495 Ludovico il Moro, appena divenuto Duca, chiamò a decorare le sale del Castello Leonardo da Vinci e il Bramante. Leonardo fece dipingere i saloni in color azzurro cielo e vi fece applicare delle stelle in oro zecchino. Bramante, invece, fece porre ai lati del ponte levatoio alcuni guerrieri con scimitarre e dei paggetti che avevano la funzione di ricevere gli ospiti.

Purtroppo durante il 1600 e il 1700 i saloni furono imbiancati per disinfettarli dalla peste e dal colera.

castello visconteo_pavia_cosa vedere

Castello Visconteo di Pavia

SAN PIETRO IN CIEL D’ORO: le chiese più belle di Pavia

Tra le cose da vedere a Pavia c’è sicuramente la chiesta romanica di San Pietro in Ciel d’Oro. Probabilmente l’edificio venne ricostruito tra il 1100 e il 1200 sui resti della primitiva chiesa.

Nel 720 i pirati saraceni avevano portato in Sardegna il corpo di Sant’Agostino e lo misero in vendita a peso d’oro. Il re longobardo mandò i suoi inviati per acquistare la reliquia e fece costruire una chiesta per ospitarla. Sono conservate ancora oggi in un capolavoro marmoreo di epoca gotica.

San Pietro conserva anche i resti di Severino Boezio, ricordato da Dante nel Paradiso con i versi che sono riprodotti in una lapide esterna alla Chiesa.

Perché si chiama San Pietro “in ciel d’oro”? Perché l’abside che sovrasta l’Arca di Sant’Agostino in origine era un mosaico in oro zecchino.

cosa vedere a pavia in un giorno_san pietro in ciel d'oro

San Pietro in Ciel d’Oro (photo credits Wikimedia Commons)

UNIVERSITÀ DI PAVIA: cosa vedere a Pavia in un giorno

L’Università di Pavia è una delle più antiche e importanti università italiane.

Già a partire dal IX secolo Pavia fu sede di un’importante scuola di retorica istituita dall’imperatore Lotario I. Anche per tutto il periodo medievale la scuola fu molto fiorente. Nel secolo XI, Pavia divenne sede anche di un’attestata scuola giuridica.

È grazie all’imperatore Carlo IV, nel 1361, che a Pavia venne fondato uno Studium Generale, al quale Papa Bonifacio IX riconobbe i medesimi diritti delle Università di Bologna e di Parigi. Con diploma imperiale del 1485, lo Studium Generale venne poi trasformato in Università.

Il prestigio dell’ateneo crebbe nel secolo XV, ma la sua attività conobbe una brusca interruzione in seguito ai gravissimi danni ricevuti dalla città per l’assedio subito nel 1525.

La rinascita dell’Università di Pavia avvenne nella seconda metà del secolo XVIII grazie all’intervento dei sovrani austriaci Maria Teresa e Giuseppe II.
Dalla fine della Seconda Guerra Mondiale l’Università di Pavia ha conosciuto un nuovo rilancio. Nel corso degli anni ’60 del secolo scorso, sono state aggiunte anche le facoltà di Economia e Commercio e di Ingegneria.

Aula_Scarpa_Università_di_Pavia

Aula Scarpa nell’Università (photo credits Wikimedia Commons)

LE TORRI nella guida in pdf di Pavia

Le Torri di Pavia, tra le cose da vedere in città, hanno una caratteristica che le differenzia dalle torri delle altre città italiane: sono snelle.
Hanno un basamento di soli sei metri si innalzano fino a 53 metri di altezza. Le fondamenta, infatti, sono molto profonde.

Una leggenda di Pavia vuole che, durante una festa al Castello, il Conte Del Maino promise di far edificare una torre capovolta se il figlio si fosse laureato. La torre venne davvero edificata ma, nel 1715, venne poi fatta abbattere.

Le torri erano il simbolo di potenza e di ricchezza delle famiglie nobili della città. Ne veniva innalzata una ogni volta che nasceva il figlio maschio di una nuova generazione.

A Pavia, che era chiamata la città delle Cento torri, ne sono rimaste ancora 72.

torri di pavia_guida pdf

Alcune torri di Pavia (photo credits Wikimedia Commons)

CRIPTA DI SANT’EUSEBIO: cosa visitare Pavia

La Cripta è quanto resta, recuperato da scavi e restauri, della Cattedrale già esistente nel VII secolo e in uso al tempo di Rotari. Fu ricostruita in stile romanico nel primo XI secolo ma venne abbattuta nel XX secolo.

Da non perdere il rivestimento pittorico romanico del XIII secolo, di chiara impronta bizantina.

cripta sant eusebio_pavia_guida turistica in pdf

Cripta Sant’Eusebio

SANTA MARIA DEL CARMINE: itinerario a Pavia

Santa Maria del Carmine è una delle maggiori chiese di Pavia ed è uno degli esempi più belli dell’architettura del gotico lombardo. Fu iniziata nel 1374 per volontà di Gian Galeazzo Visconti ma la sua costruzione proseguì lentamente fino al 1461.

L’imponente facciata, di ispirazione romanica, presenta decorazioni in stile gotico lombardo.
L’interno è molto suggestivo e presenta numerose cappelle laterali, ricche di affreschi e di dipinti. Nel transetto fate caso alle pareti con affreschi del XV secolo.

Di notevole fascino anche il tabernacolo gotico e l’altare del presbiterio.

cosa fare a Pavia_Chiesa_di_Santa_Maria_del_Carmine

Chiesa di Santa Maria del Carmine (photo credits Wikimedia Commons)

MERCATO DI PIAZZA ARNABOLDI

In Piazza Arnaboldi si trova un mercato coperto. E’ ospitato in un cortile aperto al pubblico ed è coperto da una cupola in ferro di fine ‘800.


BROLETTO: cosa vedere a Pavia in un giorno

Il Broletto di Pavia risale al XII secolo ed è il più antico di tutta la Lombardia e fu sede del Comune.
La parte superiore è in stile rinascimentale e veniva utilizzata per le adunanze.

L’orologio che orna la facciata risale al 1872.
Alcune sale al pianterreno ospitano mostre ed esposizioni.

broletto_pavia_guida turistica pdf

Piazza Vittoria con il Broletto

PIAZZA GRANDE: il cuore di Pavia

Piazza Grande, ora detta Piazza Vittoria, risale ai Visconti. Venne realizzata in seguito all’abbattimento di alcune abitazioni. Mentre andrai alla scoperta delle cose da vedere a Pavia in un giorno non potrai fare a meno di attraversarla almeno una volta.

Lo sapevi che ei suoi sotterranei si estende un grande mercato coperto, costruito nel 1958?

DUOMO DI PAVIA: cose da non perdere a Pavia

Il Duomo di Pavia, non ancora completamente ultimato in alcuni aspetti (come i rivestimenti marmorei), ha avuto origine nel XV secolo. Venne eretto dove, un tempo, sorgevano due preesistenti cattedrali romaniche (Santo Stefano e Santa Maria del Popolo).
Quello che subito colpisce lo sguardo per chi arriva da Piazza Grande è la cupola del Duomo, alta 82 metri.

La costruzione è rinascimentale e i lavori vennero affidati dallo Sforza al Bramante che era alla sua Corte di Milano.
La cupola fu uno degli esperimenti prima di costruire il Cupolone di San Pietro a Roma.

All’interno del Duomo sono conservate le spine della corona di Cristo.
Nell’altare del braccio destro sono conservati i resti di San Siro, primo Vescovo di Pavia, vestito dei suoi paramenti.

Notati i quadri degli altari con belle tele tra cui una di Bernardino Luini e una di  Federico Faruffini.

Duomo di Pavia e cupola del Bramante

Duomo di Pavia (photo credits Wikimedia Commons)

IL PALAZZO CARMINALI – BOTTIGELLA in Viale Cavour

I principali casati di Pavia realizzarono splendidi palazzi in città. Spicca fra questi, nella centralissima via Cavour, il palazzo Carminali Bottigella.
Le origini del palazzo sono rinascimentali rinascimentali.

Cosa vedere a Pavia_Palazzo_Carminali_Bottigella

Dettaglio di Palazzo Carminali – Bottigella  (photo credits Wikimedia Commons)

BASILICA DI SAN TEODORO: le chiese di Pavia da non perdere

La basilica di San Teodoro risale probabilmente al VII secolo ma l’attuale edificio è del 1117 ed è realizzato in cotto.
La chiesa ospita il corpo di San Teodoro.

La facciata è in stile romanico mentre l’interno conserva importanti opere realizzate tra il XIII e il XVI secolo.

Chiesa di San Teodoro a Pavia

Chiesa di San Teodoro a Pavia (photo credits Wikimedia Commons)

PONTE COPERTO: cosa vedere a Pavia

Il Ponte Coperto è detto anche Ponte Vecchio. Si tratta del ponte che attraversa il Ticino e che collega il centro storico cittadino con il Borgo Ticino, un pittoresco quartiere di Pavia.
Questo ponte è uno dei simboli della città per cui è una delle cose da vedere a Pavia assolutamente.

Il ponte è dotato di cinque arcate ed è completamente coperto. Al centro, c’è persino una piccola cappella.
La costruzione attuale, risalente al 1949, è la ricostruzione dell’antico Ponte Coperto risalente al XIV secolo.

ponte coperto_guida turistica in pdf pavia

Ponte Coperto di Pavia (photo credits Wikimedia Commons)

Il ponte romano

Già in epoca romana, nell’antica città di Ticinum, era presente un primo ponte che collegava le due rive del fiume.
La direzione del pilone indica che in epoca romana la direzione della corrente del fiume era diversa.

Il ponte trecentesco

Nel 1351 venne costruito,  sui ruderi del ponte romano, un nuovo ponte. Era coperto e dotato di dieci arcate e di due torri alle due estremità, che servivano per la difesa.
I bombardamenti della seconda guerra mondiale danneggiarono l’antico ponte finché, nel 1947, crollò.

Il nuovo ponte

Nel 1948 venne demolito completamente  la demolizione con la dinamite e la rimozione delle rovine. Alcune macerie sono ancora visibili nelle acque del fiume.
L’anno successivo si iniziò la costruzione del nuovo ponte, che fu inaugurato nel 1951. Il ponte attuale si trova a circa 30 metri a valle del precedente.

ponte coperto_cosa vedere a pavia

Fasci di luce sul Ponte Coperto

BORGO TICINO: un quartiere caratteristico di Pavia

Attraversato il Ponte Coperto ti troverai nel Borgo Ticino. La parte più caratteristica del quartiere è quella situata sull’argine basso del fiume.
Subito dopo il ponte si trova un monumento in bronzo che rappresenta una lavandaia. Più avanti ci sono le caratteristiche case colorate del borgo.

borgo ticino_pavia_cosa vedere in un giorno

Borgo Ticino sotto la neve (photo credits Wikimedia Commons)

LA BASILICA DI SAN MICHELE MAGGIORE: ultima tappa della guida turistica in pdf di Pavia

L’ultima tappa della guida turistica di Pavia in pdf è la Basilica di San Michele Maggiore. Il primo edificio risale al periodo longobardo ma l’attuale costruzione è del XI secolo.

Ti sembra di averla già vista? In effetti l’edificio è considerato il prototipo delle numerose chiese medievali di Pavia. Qui però venne utilizzata la fragile pietra arenaria (in sostituzione del solito cotto).
La basilica ospitò nei secoli cerimonie ed incoronazioni tra cui quella di Federico I Barbarossa.

Basilica_di_San_Michele_Maggiore_cosa

Basilica di San Michele Maggiore (photo credits Wikimedia Commons)

COSA VEDERE NEI DINTORNI DI PAVIA

La tua voglia di scoprire queste zone non finisce con le cose da vedere a Pavia in un giorno? Ti propongo alcune attrazioni nei dintorni di Pavia:

Per maggiori informazioni su cosa vedere a Pavia e provincia ti suggerisco di visitare il sito www.visitpavia.com

strade centro storico_pavia_cosa fare

Una strada del centro storico di Pavia (photo credits Wikimedia Commons)

Share: