COSA VEDERE A ETRETAT IN NORMANDIA IN POCO TEMPO

Cosa vedere a Etretat in poco tempo? In questo articolo ti spiego come visitare questa bella cittadina e le sue scogliere sul Mare del Nord

Mi piace pensare che, in un antico duello tra terra e mare, ad Étretat vinse la terra. Ma non senza riportare i segni devastanti di tale lotta. Questo meraviglioso villaggio di pescatori della Normandia (Francia), si trova infatti tra due imponenti e bianche scogliere che, alla sua destra e alla sua sinistra, dominano trionfanti sul mare.

Étretat è sicuramente una delle più belle cartoline di questo angolo di Francia ed una delle più fotogeniche immagini delle coste selvagge affacciate sulla Manica. Non a caso, infatti, è stata immortalata da numerosi artisti (uno tra i tanti è Monet), affascinati dalle meraviglie create qui dalla natura.
Il mio rapido viaggio in Normandia e Bretagna non poteva non prevedere anche questa tappa, una delle più celebri e turistiche.

etretat cosa vedere in poco tempo

 

COSA VEDERE A ETRETAT IN POCO TEMPO

Ti spiego brevemente quali sono le cose da vedere a Etretat se hai poco tempo a disposizione.

Falaise d’Amont

Raggiunto l’abitato, ci dirigiamo subito verso la Falaise d’Amont, l’unica raggiungibile in auto, dalla sommità della quale è possibile ammirare uno splendido panorama sul villaggio, sul mare e sulle scogliere.

Quassù si trova un ampio parcheggio a pagamento (ma la sbarra sembra non funzionare quindi la sosta parrebbe gratuita) e alcuni parcheggi liberi.

Un forte vento proviene dal mare e tiene lontane le nuvole che, ogni tanto, cercano di oscurare il sole. Sotto il nostri piedi la falesia scendere verticale fin verso il mare. Una bella chiesetta, in stile neogotico, sembra essere stata edificata lì per sorvegliare sulla bellezza della natura che si sprigiona, potente, tutta intorno ad essa.

Facciamo due passi lungo il sentiero della scogliera cercando i punti panoramici più belli per osservare la Falaise e la Porte d’Aval, il vero gioiello di Étretat.

Proseguiamo lungo il sentiero, stando ovviamente attenti a dove mettiamo i piedi perché quassù non ci sono molte protezioni e la sicurezza è data dal buonsenso dei visitatori. Oltre a belle vedute della scogliera sottostante e del mare, di un intenso blu, si vedono anche piccole baie e spiagge dove qualcuno sta passeggiando approfittando della bassa marea.

Il luogo è tanto bello che, nonostante il poco tempo a disposizione, non ce ne vogliamo andare così rapidamente come avevamo pianificato.

cosa vedere etretat Falaise d'Amont

Falaise e la Porte d’Aval

Come ti dicevo, la Falaise e la Porte d’Aval sono la vera attrazione di Étretat. Si tratta di un arco dalla perfetta armonia che pare emergere dall’acqua. Sembra quasi l’elegante proboscide di un bianco elefante.

Essa si trova esattamente sul versante opposto del paese e da quassù la si può ammirare in tutto il suo splendore, anche se appare un po’ lontana.

Con poco tempo a disposizione, salire sulla Falaise d’Aval sarebbe impossibile perché la passeggiata richiederebbe sicuramente almeno un’oretta di tempo. Raggiungere la sommità non sarebbe un problema ma, proseguire poi lungo il sentiero per avere una visuale ottimane della falesia con il sole che tramonta, richiederebbe molto più tempo. E noi non ne abbiamo.

cosa vedere etretat Falaise e la Porte d'Aval

Il paese di Etretat e la sua spiaggia

Decidiamo di fare un salto veloce sulla spiaggia del villaggio.
Troviamo per casuale fortuna un parcheggio libero (anche se sono a pagamento è quasi impossibile trovarne) nella zona occidentale del paese, quella più turisticamente frequentata perché, dove finisce il lungomare, parte la scalinata e il sentiero che sale verso la Falaise d’Aval.

Tra le alghe lasciate sulla riva dalla marea, simili a spinaci, saltella qualche bambino. E non è l’unico ad immergere i piedi nel mare o a godersi la tintarella (ma non è certo paragonabile alla vita da spiaggia a cui siamo abituati noi italiani!). Il tepore dei raggi del sole, infatti, ha attirato molti turisti che se ne stanno seduti sui ciottoli ad osservare il mare.

Lungo le scogliere, invece, dove il silenzio è rotto solo dal vento, vola qualche gabbiano.

Il fascino di questa spiaggia mi ha conquistato. Di motivi ce ne sarebbero infiniti ma vediamo di indicare almeno quelli che mi hanno colpito maggiormente:

  • prima di tutto viene il punto di osservazione. Dal livello della spiaggia, su entrambi i lati, si innalzano spettacolari le scogliere della Costa d’Alabastro. Sulla destra c’è la falesia d’Amont con la sua chiesetta e, dall’altra, la falesia d’Aval con il suo arco
  • in secondo luogo, la spiaggia è devastata, per un buon tratto, da ammassi di alghe simili a spinaci. La prima reazione è “oh che schifo” ma poi, avvicinandosi curiosi, il pensiero diventa “ma dai che cosa strana”. Si tratta di piante che sono riuscite a sopravvivere al beffardo comportamento della marea. Ora sono scoperte e sono davvero curiose. Qua e là si osservano bambini saltellare tra le alghe. Ovviamente ci provo pure io e… sono morbidissime! Sembrano dei cuscini!
  • il terzo motivo per il quale questa spiaggia è spettacolare è dovuto ai ruscelletti d’acqua che sgorgano, inaspettati, sotto i ciottoli. L’acqua fuoriesce a caso, creando poi dei piccoli corsi d’acqua che scendono verso il mare.

Rimpiangiamo di non esserci fermati di più a Etretat. Ci sarebbero state un mucchio di cose carine da fare e da vedere ad Etretat ma il tempo era poco. Una su tutte sicuramente la camminata sulla falesia d’Aval.
Ma dobbiamo guardare avanti, altre tappe della Normandia ci stanno aspettando.

cosa vedere etretat spiaggia

 

INFORMAZIONI UTILI PER VISITARE ETRETAT

Orari di apertura

Non vi sono orari di apertura né per la passeggiata sulla falesia d’Aval né per salire in auto fino al parcheggio della falesia d’Amont.

Costo ingresso

Non sono previsti biglietti di ingresso.

Come arrivare a Etretat e dove parcheggiare

Étretat dista circa 2.40 h da Parigi (200 km) e 1.15h da Rouen (100 km). Come per buona parte delle strade normanne, attraverserete zone tranquille e molto pittoresche. Mettete in conto un po’ di traffico in prossimità del villaggio nei weekend e nel periodo estivo.

Il parcheggio, pur essendo a pagamento (parchimetro), non è facilissimo tra trovare in paese in quanto non ve ne sono moltissimi. Armatevi di tanta pazienza e abbiate fiducia, prima o poi lo troverete!

 

Per maggiori informazioni visita il sito internet www.etretat.net

Il video dell’affascinante spiaggia di Étretat:

Il programma del mio viaggio in Normandia e Bretagna: Programma tour Normandia e Bretagna

cosa vedere a etretat in poco tempo o in un giorno

Share: