GITA A OSIMO: cosa vedere e cosa fare

Osimo è un bellissimo borgo in provincia di Ancona. In questo articolo ti spiego cosa vedere e cosa fare in una gita fuori porta.

Sulle dolci colline che si estendono a perdita d’occhio alle spalle del litorale del Conero si trovano abbarbicati numerosi borghi. Il loro profilo si staglia poeticamente sull’orizzonte, specialmente quando le tinte rossastre del tramonto colorano i cieli marchigiani.

Tra i campi di girasole, spostandosi in auto, compare ad un certo punto anche Osimo (AN), un paese così carico di storia da risalire ai tempi dei piceni, i suoi fondatori.

 

COME ARRIVARE A OSIMO E DOVE PARCHEGGIARE

Per raggiungere il centro storico di Osimo è sufficiente posteggiare nel maxi parcheggio coperto di via Cristoforo Colombo. E’ situato appena fuori le mura  ed ha costo orario davvero minimo (1/2€ per 12h).

Trovare parcheggio non è difficile. Appena fuori dall’abitato troverete il Maxiparcheggio di Via Cristoforo Colombo, coperto e dal costo davvero irrisorio (1/2€ per 12h). Tramite una comoda e gratuita funicolare che parte proprio dal parcheggio, raggiungerete rapidamente il centro della cittadina.

Dal parcheggio, una bella funicolare gratuita ti porterà nel centro storico di Osimo. Dai vetri si può osservare il panorama sulla bella campagna circostante.

_20150826_084452

OSIMO: COSA VEDERE E COSA FARE

Il profumo di biscotti appena sfornati che si insinua tra i vicoletti ci sospinge fin verso la piazza centrale.

Palazzo Municipale di Osimo

Il colpo d’occhio è davvero di grande impatto: il grande Palazzo Municipale (in cui la mattina è possibile visitare gratuitamente il Lapidarium e le statue romane) dalle linee rinascimentali troneggia sulla piazza e si sposa armoniosamente con gli eleganti edifici che lo circondano.

È tutto un susseguirsi di mattoni in cotto dalle calde tonalità dell’ocra e del rosso.

_20150826_084339

Duomo e Battistero di Osimo

Oltrepassata la fontana, risaliamo ulteriormente fino a raggiungere, poche centinaia di metri più avanti, il complesso del Duomo dedicato a San Leopardo. Le linee pure, eleganti e mistiche del gotico, che mi fanno sempre impazzire, raggiungono qui una candida finezza. Come non notare i portali adorni di bassorilievi, gli archi, la cripta invasa di luce? Che meraviglia!

Prima di uscire, soffermatevi nei pressi del Battistero ed entratevi anche solo per un momento. Lo splendido soffitto a cassettoni, tutto oro e tele dipinte, sembra voler rivaleggiare in bellezza con l’elaborata scultura del fonte battesimale del XVII secolo.

_20150826_084429

Belvedere e Grotte del Cantinone

Poco più avanti si trovano anche i bei giardini panoramici (Belvedere) ma il tempo ahimè è tiranno e non abbiamo tempo per sostare.

Ci attende la vera perla di Osimo: le sue Grotte! Scavato nel sottosuolo di tutto il centro storico già a partire da alcuni secoli prima dell’arrivo dei romani, questo intricato sistema di cunicoli corre per qualche decina di chilometri ad una quindicina di metri dalla superficie.

Per accedere a queste grotte, dette del Cantinone, è sufficiente recarsi al vicino punto informativo (ben segnalato) ed acquistare il ticket per la visita guidata (costo 5 euro). Questa, della durata di circa 50 minuti, è davvero ben strutturata e, dopo un breve momento introduttivo, vi condurrà in questo incredibile mondo sotterraneo.

È un luogo davvero affascinante, illuminato in modo suggestivo, nel quale si incontrano cunicoli, pozzi, feritoie di spionaggio, graffiti realizzati chissà quando nella pietra friabile e veri e propri bassorilievi di apprezzabile fattura.

_20150826_084518

Mura Romane e Fonte Magna

Terminata la visita, uscite stavolta dal livello più basso e, se le energie ve lo permettono, potrete osservare le mura romane, risalenti al II secolo a.C., e la Fonte Magna, i resti di un ninfeo romano (per la verità un po’ lasciato all’incuria).

_20150826_084226

Altre cose da vedere a Osimo

La visita di Osimo non terminerebbe qui. C’è viale Mazzini fiancheggiato da bei palazzi e negozi su cui passeggiare, ci sono molti altri edifici pubblici (es. Palazzo Campana) e religiosi (es. Basilica di san Giuseppe da Copertino e la Chiesa di San Marco) da visitare ma un brutto temporale si sta avvicinando. Salutiamo così Osimo, scendendo nuovamente per la funicolare.

Se vi trovate in villeggiatura al Conero, non lasciatevi scappare questo borgo che dista giusto una ventina di minuti dalla costa. In qualche ora avrete uno spaccato sulla storia locale lungo più di 2000 anni!

Cosa vedere sulla Riviera del Conero e nei dintorni? Ecco una selezione di luoghi da non perdere.

_20150826_111232

Share: