Piatti tipici bergamaschi: cosa mangiare a Bergamo

12 PIATTI TIPICI BERGAMASCHI: cosa mangiare a Bergamo

Cosa mangiare a Bergamo? Se hai in programma di visitare la città, ti suggerisco 12 prodotti o piatti tipici della cucina bergamasca che devi assolutamente assaggiare.

Tutti sanno che la città è divisa tra Bergamo alta e Bergamo bassa (“Berghém de sóta e Berghém de süra” in dialetto). La parte alta è il cuore medievale e turistico ed è circondata dalle mura venete, entrate nel Patrimonio UNESCO della Lombardia. Bergamo bassa, invece, è più moderna essendosi sviluppata negli ultimi secoli (ma non meno bella).

C’è però una cosa che unisce le due parti della città: la cucina tipica bergamasca!
I piatti tipici bergamaschi sono semplici e sostanziosi, un po’ come i suoi abitanti. Nei secoli passati, infatti, la terra non aveva molti prodotti da offrire e le calorie erano indispensabili per affrontare i lunghi mesi invernali. Proprio per questo i piatti più famosi sono la polenta, i formaggi ed i casoncelli.

In questo articolo scopriremo insieme cosa mangiare a Bergamo e quali sono i prodotti ed i piatti tipici della provincia.

»» Cosa ne dici di visitare la città con un bel tour enogastronomico di Bergamo? Clicca sul link per maggiori informazioni

polenta e salumi bergamaschi_itinerario a piedi_città alta

Un tagliere con polenta e salumi bergamaschi

COSA MAGIARE A BERGAMO: 12 piatti tipici

I piatti tipici bergamaschi, che troverai elencati qui di seguito, sono una sintesi di quello che la cucina bergamasca può offrire. Chiaramente ogni zona o vallata ha le proprie ricette e i propri prodotti locali ma questa potrebbe essere una buona sintesi.

Alcune di queste cose da mangiare a Bergamo sono difficili da trovare al ristorante (se non nelle trattorie più “alla buona”) per cui, se vorrai davvero assaggiarle, ti converrà farti invitare a pranzo da un bergamasco DOC. Non sarà facile ma ci si può sempre provare!

POLENTA E OSEI: cosa mangiare a Bergamo

La “polenta e osei” è un secondo piatto a base di polenta e uccellini (alla griglia o cotti in padella con abbondante intingolo). I piccoli volatili vengono spesso mangiati interamente, con conseguente croccare di ossicini (l’immagine è un po’ inquietante, lo ammetto!).

Contrariamente a quanto viene spesso riportato on-line, questo piatto veniva preparto non solo in Veneto ma anche nella bergamasca. Gli uccellini venivano infatti cacciati o catturati tramite un curioso sistema di roccoli.
Oggi la vendita degli uccellini è vietata per cui dovrai accontentarti della versione dolce della polenta e osei (te ne parlerò più avanti).

Polenta e osei tra i piatti tipici di Bergamo

Piatti tipici di Bergamo: polenta e osei

CASONCELLI: uno dei piatti più tradizionali di Bergamo

Immancabile in ogni trattoria bergamasca che si rispetti e onnipresenti nei menu dei ristoranti di Bergamo alta, i casoncelli (“casonsei” in dialetto) sono uno dei piatti più amati. Si tratta di ravioli di pasta fresca con un ripieno tradizionalmente ottenuto dagli avanzi delle carni suine e bovine. Ad esse vengono solitamente aggiunti amaretti, uva sultanina, pan grattato, aglio e scorza di limone.
I casoncelli vengono serviti con formaggio grattugiato e conditi con burro fuso, pancetta e salvia.

La ricetta cambia di casa in casa proprio perché venivano un tempo preparati con le materie prime disponibili. Tieni presente che più si scende verso la pianura e più il ripieno tende a diventare dolce!

Piatti tipici di Bergamo: casoncelli

Un piatto di casoncelli (foto e ricetta Sfizioso.it)

PA E STRINÙ: cosa mangiare alle sagre bergamasche

Cosa mangiare nelle sagre bergamasche? Un bel pà e strinù!
Sempre molto richiesto, questo panino con all’interno una salamella cotta alla piastra o alla griglia è semplice ma delizioso.
Ti sfido: sarai in grado di resistere al suo invitante profumo?

Piatti tipici di Bergamo: pa e strinù

Pa e strinù (foto Bresciaatavola.it)

SCARPINOCC: una variante vegetariana al casoncello

I fratelli diretti dei casoncelli sono gli scarpinocc, tipici del paese di Parre (in Val Seriana). In questo piatto tipico bergamasco, il ripieno è a base di formaggio, uova, burro e pan grattato per cui è adatto anche ai vegetariani.
Gli scarpinocc vengono poi serviti con formaggio grattugiato, burro e salvia.

Un piatto di scarpinocc: cucina tipica bergamasca

Scarpinocc (foto valseriana.eu)

POLENTA TARAGNA: piatto tipico bergamasco

In molti dicono che la polenta taragna sia un piatto unico ma voi diffidate perché accompagna egregiamente, nella sua pesantezza, i corposi secondi piatti bergamaschi (ma anche un bel tagliere!).
Viene preparata con un mix di farina gialla di mais e farina di grano saraceno a cui vengono aggiunti formaggi e burro in fase di cottura. Il nome deriva proprio dal tarèl, il bastone con cui viene vigorosamente mescolata.

Nelle valli bergamasche potrai mangiare anche la polenta concia o uncia che solitamente è più liquida e burrosa.

Cucina bergamasca: polenta taragna

Una porzione di polenta taragna (foto e ricetta dissapore.com)

SALAME: il re dei salumi bergamaschi

Tra i prodotti tipici di cui i bergamaschi vanno più orgogliosi c’è sicuramente il salame. Meglio se stagionato a lungo in cantina.
Ti invito a fermare lungo la strada un bergamasco. Sono sicuro che ti racconterà di uno zio o di un amico che produce il migliore salame di tutta la provincia!

Le ricette cambiano leggermente ma tutte le varianti impiegano diverse parti del maiale, sia nobili che meno pregiate, con l’aggiunta di pepe nero, vino rosso, spezie ed aglio.
Se al ristorante ordinerai un bel tagliere, potrai provare anche altri salumi tipici di Bergamo come la pancetta, il lardo, il cotechino ed il prosciutto crudo.

Cosa mangiare a Bergamo: il salame

Il salame, uno dei prodotti tipici bergamaschi

OSELÌ SCAPACC: secondi piatti a Bergamo

Questa volta il nome trae in inganno. Gli “oselì scapacc” (uccellini scappati) non hanno nulla a che fare con i volatili. Si tratta infatti di fettine di carne di manzo arrotolate con prosciutto cotto o pancetta, una fetta di formaggio sottile e salvia.
E’ un piatto semplice della tradizione bergamasca che si prepara ancora molto frequentemente nelle case.

Cosa mangiare a Bergamo: Oselì scapac

Oselì scapacc della cucina bergamasca (foto e ricetta valseriananews.it)

FORMAGGI BERGAMASCHI: prodotti tipici della provincia

La provincia bergamasca è in buona parte costituita da vallate dove le mucche, da secoli, vengono portate a pascolare negli alpeggi. Ma anche nella bassa pianura si trovano grandi allevamenti di bovini. Il latte, quindi, non manca da queste parti!

Sulle tavole dei bergamaschi, anche dei contadini più poveri, il formaggio è sempre stato una presenza fissa e molto amata. Non è quindi un caso che la provincia abbia ben 9 formaggi DOP riconosciuti: Formai de Mut, Taleggio, Strachitunt, Valpadana, Bitto, Salva Cremasco, Quartirolo Lombardo, Gorgonzola, Grana Padano e Provolone.
In un tagliere, ordinato in un ristorante bergamasco, troverai molto probabilmente anche le Formagelle, il Branzi, i Caprini e gli Stracchini. Colesterolo non ti temo!

menu del rifugio Grassi di Bergamo_cucina

Formaggi e polenta bergamaschi in un rifugio di montagna

CAPÙ: cosa mangiare nelle valli bergamasche

Tra le cose da mangiare a Bergamo, seppur non ti sarà facile trovarli, ci sono anche i capù (Val Seriana) ed i nusècc (Val Brembana). Spesso questi involtini di verza ripieni di carne macinata ed erbe aromatiche vengono serviti solo nelle trattorie più “sincere” delle valli bergamasche.

Che differenza c’è tra capù e nusècc? Diciamo che la differenza principale è la vallata di provenienza dato che gli ingredienti principali sono gli stessi e che le varianti appartengono poi alle singole tradizioni familiari.

Capù o nusecc della cucina bergamasca

Capù o nusecc della cucina bergamasca (foto e ricetta laraabrati.com)

CONIGLIO O BRASATO CON LA POLENTA: la cucina bergamasca della domenica

Cosa si mangia a Bergamo la domenica? Per il pranzo principale della settimana, le nonne erano solite preparare il coniglio, cotto in una casseruola con burro e pancetta. Oppure il brasato, con la carne di vitello o di manzo cotta per ore con vino rosso ed aromi. Chiaramente entrambi vengono rigorosamente accompagnati da una sostanziosa porzione di polenta gialla.

Questi piatti tipici della tradizione bergamasca compaiono ancora molto frequentemente nei menu di ristoranti e trattorie della provincia.

Coniglio e polenta alla bergamasca

Coniglio e polenta alla bergamasca (foto e ricetta lacucinaitaliana.it)

TRIPPA: la ricetta tipica bergamasca

Non ho mai capito il motivo ma quando un bergamasco di una certa età scopre che alla sagra o al ristorante c’è la trippa, allora ne ordina subito una porzione. La ricetta è differente rispetto a quella di altre regioni d’Italia perché, in questo caso, si tratta di un primo piatto.
Le frattaglie, costituite da alcune parti dello stomaco del bovino, vengono servite in brodo con verdure e qualche legume.

Cosa mangiare a Bergamo: trippa

Un piatto di trippa alla bergamasca (foto e ricetta cucinaombraluce.blogspot.com)

DOLCI TIPICI DI BERGAMO: quali assaggiare?

La tradizione dolciaria bergamasca, basata sugli ingredienti poveri che la terra poteva offrire, non vanta ricette particolarmente elaborate. Nelle cucine, le nostre nonne erano solite preparare marmellate, torte di mele e crostate di frutta.

Ci sono comunque tre dolci che vale la pena di assaggiare quando passerai da Bergamo:

  • Polenta e osei dolce: si tratta della reinterpretazione, in versione dolce (anche troppo), del famoso piatto bergamasco. E’ un pan di spagna con creme, pasta di mandorla e uccellini in cioccolato. La troverai facilmente nelle vetrine dei fornai di Bergamo alta
  • Torta Donizetti: dedicata al famoso compositore bergamasco, questa torta somiglia alla margherita ma prevede l’aggiunta di frutta candita e maraschino
  • Gelato alla stracciatella: questo gusto è stato inventato nel 1961 nella pasticceria La Marianna, tutt’oggi esistente in Bergamo alta
Polenta e osei: dolci tipici bergamschi

Polenta e osei in una vetrina di Bergamo alta

LA PARENTESI DI MISTER G: i vini bergamaschi

Le primi viti vennero piantate tra le dolci colline di Scanzorosciate già dagli antichi romani. Da allora la passione per il buon vino non si è più fermata ed oggi Bergamo vanta il riconoscimento DOCG per il Moscato di Scanzo e il DOC per il Valcalepio Rosso e Bianco.

Nella provincia bergamasca, i vitigni più coltivati sono il merlot, il cabernet sauvignon, lo chardonnay ed il pinot.
Quando ordinerai uno dei sostanziosi piatti della cucina locale, accompagnarlo sempre con uno dei vini tipici della bergamasca!

Vini tipici bergamaschi

Vini tipici bergamaschi (foto Pixabay.com)

COSA VEDERE A BERGAMO E DINTORNI

Dopo aver assaggiato i piatti tipici di Bergamo, sarà opportuno fare due passi per agevolare la digestione. Ti propongo qui di seguito alcune passeggiate e una selezione delle migliori cose da vedere nei dintorni di Bergamo:

Prodotti tipici della cucina bergamasca

Prodotti tipici della cucina bergamasca

Share: