panannablogdiviaggi intervista tusoperator giordania

PANANNABLOGDIVIAGGI: due chiacchiere con Anna

Panannablogdiviaggi è il blog che andiamo a conoscere meglio oggi. Dietro questo bel progetto c’è Anna, una ragazza simpatica e dinamica.

Perché il suo Panannablogdiviaggi.com è diverso dagli altri? Semplice: è stata la prima a raccontare ed a fornire consigli a tutti coloro che viaggiano con dei figli adolescenti.

Durante l’intervista ci parla del suo recente viaggio in Giordania. Mi ha fatto venire voglia di tornarci!

 

INTERVISTA A PANANNABLOGDIVIAGGI

 

Ciao Anna! Mi racconti un po’ di te e del tuo blog Panannablogdiviaggi?

Ciao Fabio e grazie per avermi ospitato sul tuo blog. Mi presento: sono Anna, consulente contabile in una grossa società, e appassionata di viaggi, si può dire per formazione (o de-formazione)? Nella mia famiglia, infatti, tutti amano viaggiare, dai nonni, agli zii e ovviamente i miei genitori e fratelli, ma solo io ho scelto di parlarne per iscritto.

Nel 2013 ho conosciuto mio marito, Stefano, e la nostra famiglia si è allargata molto velocemente, se pensi che ho acquisito due figli che all’epoca avevano 7 e 8 anni. Qualche anno più tardi ho aperto il blog, che è diventato il primo blog italiano per genitori con figli adolescenti.

Scriviamo soprattutto di itinerari in Italia ed Europa e sui social condividiamo consigli di viaggio con la nostra community.

team panannablogdiviaggi Giordania petra

 

Sul tuo profilo Instagram ho visto che sei stata recentemente in Giordania. Cosa ti è piaciuto di più?

Domanda difficile, non credo di riuscire a fare una classifica. Ho amato Petra, quell’aura di mistero che la circonda: un po’ come quando si va a Roma e ci si chiede come facessero a costruire strutture in grado di durare nei secoli, altro che i ponti di oggi!

Ma ho amato tantissimo anche il Wadi Rum: abbiamo scelto di trascorrere due giorni e due notti nel deserto, isolati dal resto del mondo, affidandoci a una famiglia di beduini. Staccare completamente è stato per me un dono enorme, così come affondare le mani nella sabbia più rossa che avessi mai visto, e alzarmi prestissimo per attendere l’alba, nel silenzio più totale.

Infine, un altro sogno realizzato: fare il bagno in mare a dicembre. L’esperienza di snorkeling nel mar Rosso ha convinto tutta la famiglia!

team panannablogdiviaggi - Giordania dromedari deserto

 

Ti va di consigliarci un’esperienza o qualcosa da visitare assolutamente?

Rimanendo a Petra, consiglio a tutti, ma soprattutto a chi è più allenato a camminare, di non accontentarsi di percorrere il siq principale, dove si affacciano gli edifici più importanti. Mettete in programma anche qualche sentiero secondario, che vi permetterà sia di fuggire la folla, sia di godervi dall’alto panorami spettacolari.

Una cosa per cui, invece, tornerei in Giordania, sono le bellezze naturali che non abbiamo fatto a tempo a visitare e per le quali primavera e autunno sono le stagioni più indicate per la visita. Sto pensando alla riserva naturale della biosfera di Dana e al canyon del Wadi Mujib, che arriva sino al mar Morto.

 

Come hai trovato la cucina locale? C’è un piatto o un dolce che ti è particolarmente piaciuto?

La nostra cena di Natale l’abbiamo passata del deserto e ci hanno offerto un piatto che si chiama zarb: del morbidissimo pollo cotto alla brace, insieme alle verdure, sotto la sabbia, secondo la tradizione locale.

Ai ragazzi è piaciuto un sacco anche lo yogurt, che viene usato come salsa su diversi piatti e si trova dalla colazione alla cena. Io invece ho preferito l’hummus (una crema di ceci), un altro piatto che ci è stato offerto spesso.

Per quanto riguarda i dolci, quelli che abbiamo assaggiato mi hanno ricordato molto la tradizione turca: monoporzioni di pasta fillo, imbevuti in uno sciroppo zuccheroso e guarnito con granella di pistacchi o nocciole. Alcuni sono anche ripieni di formaggio, insomma delle piccole bombe caloriche!

 

L’intervita a Panannablogdiviaggi continua su www.sentichiviaggia.it

wadi-rum-giordania panannablogdiviaggi due chiacchiere tusoperator

Se vuoi approfondire la meta proposta da Panannablogdiviaggi, ti consiglio di leggere il mio diario di viaggio con il programma di una settimana in Giordania. Tra le varie tappe del tour, ti suggerisco:

Vuoi conoscere altri travel blogger? Ecco tutte le interviste ai TUS’friends.

Share: